Questo articolo è stato letto 110 volte

Licenziamento disciplinare: spetta al giudice valutare, caso per caso, la reale gravità delle inadempienze del lavoratore

licenziamento

Le inadempienze del lavoratore, ancorché previste dal contratto collettivo di riferimento, non impediscono al giudice di valutare, caso per caso, la reale gravità delle stesse e le circostanze nelle quali si sono verificate.

La Corte di Cassazione, con la sentenza n.18124/2016, ha stabilito che la tipizzazione delle condotte che costituiscono inadempimento contrattuale tale da portare al licenziamento, non sono sufficienti ad esaurire l’indagine. Compito del giudice, infatti, è quello di valutare l’addebito disciplinare nel contesto specifico in cui si colloca la prestazione lavorativa.

A tale proposito, afferma la Cassazione, è consolidato l’orientamento per il quale, in tema di accertamento della giusta causa di recesso, la valutazione di gravità della condotta del lavoratore, tale da non consentire la prosecuzione, neppure provvisoria, del rapporto, deve essere effettuata in relazione a specifici elementi oggettivi e soggettivi della fattispecie concreta, quali il carattere doloso o colposo dell’infrazione, le circostanze di luogo e di tempo e le probabilità di reiterazione dell’illecito da parte del lavoratore.

I principi esaminati sono stati i seguenti: mancanza di precedenti disciplinari a carico del lavoratore, ampio grado di collaborazione alle indagini e mancanza di un’analisi del contesto di regolazione interna dell’attività. La causa è stata rinviata alla corte territoriale per un nuovo esame che analizzi tutti gli aspetti.

Corte di Cassazione Civile Lavoro 15/9/2016 n. 18124

 

Novità editoriale:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>