Questo articolo è stato letto 15 volte

Le regioni stoppano la ricollocazione

Semaforo rosso delle regioni che arrestano la partenza dell’assegno di ricollocazione: lo strumento per permettere ai disoccupati (percettori da almeno quattro mesi dell’indennità Naspi) di «investire» una somma variabile dai 250 ai 5.000 euro in un ente accreditato per trovare lavoro doveva debuttare «entro Natale», ma è stato bloccato per ulteriori approfondimenti.

E, così, la chance prevista dal «Jobs act» (legge 183/2014), che avrebbe coinvolto in via sperimentale una prima tranche di 20.000 persone (per entrare a regime nel 2017), resta al palo, almeno «fino all’inizio di febbraio». A rendere nota l’«impasse» è stato ieri il presidente dell’Anpal (Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro) Maurizio Del Conte, a margine della firma di un accordo con il Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro per la formazione dei professionisti, spiegando che verrà fatto un «supplemento di condivisione» del percorso, tuttavia «i tempi non possono essere ulteriormente dilatati, perché i disoccupati non possono essere presi in ostaggio dalle questioni burocratiche. Dobbiamo avviare immediatamente la sperimentazione». Dal tavolo tecnico dei giorni scorsi, ha proseguito, «è emersa la richiesta delle regioni di un maggiore coinvolgimento dei Centri per l’impiego pubblici» nell’iniziativa per la ricollocazione dei disoccupati, «cosa che, peraltro, è data per scontata: mi auguro che, visti i chiarimenti che abbiamo già dato, al massimo nell’arco di due settimane, si appianino tutti i problemi e si possa partire», non oltre «la prima settimana di febbraio».

In caso contrario, ha sottolineato con amarezza il numero uno dell’Agenzia a ItaliaOggi, «qualcuno dovrà assumersi la responsabilità di questo rallentamento». Nel frattempo, le registrazioni per richiedere l’assegno di ricollocazione sul sito www.anpal.gov.it «stanno avvenendo regolarmente», ha proseguito Del Conte; dunque, per la sperimentazione, sciolti i nodi tecnici messi sul tavolo dalle amministrazioni regionali, non dovrebbero esserci altri ostacoli, e Centri per l’impiego pubblici, agenzie per il lavoro private e Fondazione dei consulenti del lavoro dovrebbero iniziare ad attivarsi per trasformare l’assegno di ricollocazione del disoccupato in un’opportunità d’impiego (si veda ItaliaOggi del 30 novembre 2016).

Nel contempo, l’Anpal servizi Spa e l’Ordine dei consulenti hanno sottoscritto la messa in opera del progetto EQuIPE2020 dell’Agenzia, sovvenzionato con fondi europei, destinato ai «soggetti intermediari del mercato del lavoro», finalizzato a realizzare «azioni di sistema in materia di innovazione organizzativa, partecipazione e benessere» degli occupati, anche «attraverso la promozione di misure di welfare aziendale»; a siglare l’intesa (che comprende l’attuazione della terza edizione di un master specialistico) Del Conte e la numero uno della categoria Marina Calderone, insieme ai presidenti della Fondazione studi e della Fondazione consulenti per il lavoro Rosario De Luca e Mauro Capitanio e alla responsabile del progetto EQuIPE2020 Antonella Marsala.

Fonte: ItaliaOggi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>