Questo articolo è stato letto 1.126 volte

Le novità per il personale della manovra estiva 2016

Approfondimento di C. Dell'Erba

integrazione_personale_nondirigente

Lieve ampliamento della possibilità di effettuare assunzioni di personale a tempo indeterminato, in particolare per i piccoli e medio piccoli comuni; ampliamento delle capacità assunzionali del personale educativo e docente delle scuole comunali, con la previsione di una ampia possibilità di stabilizzazione dei precari; introduzione di elementi di maggiore flessibilità nelle assunzioni a tempo determinato di dirigenti e responsabili. Possono essere così riassunte le principali novità dettate in materia di personale delle regioni e degli enti locali dalla legge n. 160/2016, di conversione del DL n. 113/2016, “Misure finanziarie urgenti per gli enti locali ed il territorio”.
Non siamo in presenza di misure stravolgenti rispetto alla normativa precedentemente in vigore, ma di un insieme di scelte di razionalizzazione che determinano effetti di ampliamento delle capacità assunzionali di queste amministrazioni.

LA INCIDENZA DELLA SPESA DEL PERSONALE SULLA SPESA CORRENTE

L’articolo 16, comma 1, dispone la abrogazione della lettera a) del comma 557 della legge 296/2006. Tale disposizione era stata interpretata dalla deliberazione della sezione autonomie della Corte dei Conti n. 27/2016 nel senso che le assunzioni di personale erano inibite alle amministrazioni locali che nell’anno precedente avessero superato il rapporto tra spesa del personale e spesa corrente medio del triennio 2011/2013. Per cui questo vincolo è stato definitivamente superato, il che torna a consentire a molte amministrazioni di potere effettuare assunzioni di personale.

Continua a leggere l’articolo

 

Novità editoriale:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>