Questo articolo è stato letto 269 volte

Le indicazioni dell’ANAC sulla pubblicità dei dati dei dirigenti

Approfondimento di Carlo Dell'Erba

Le indicazioni dell’ANAC sulla pubblicità dei dati dei dirigenti

Le amministrazioni devono pubblicare i dati sul reddito e sul patrimonio dei propri dirigenti generali, individuando quali essi sono nelle singole amministrazioni pubbliche non statali. Le posizioni organizzative nei Comuni privi di dirigenti sono tenute a fornire i dati sul trattamento economico erogato da PA, ivi compresi i rimborsi delle spese di viaggio e questi dati devono essere pubblicati, mentre negli enti con i dirigenti l’obbligo di pubblicazione sussiste solamente per il curriculum. Possono essere così riassunte le principali indicazioni contenute nella deliberazione ANAC n. 586/2019 “Integrazioni e modificazioni della delibera 241/2017 per l’applicazione dell’articolo 14, comma 1 bis e 1 ter, del d.lgs. n. 33/2013 a seguito della sentenza della Corte Costituzionale n. 20/2019”.

Il quadro di riferimento

In premessa viene ricordato che “il d.lgs. n. 97/2016, che ha modificato il d.lgs. n. 33/2013, costituisce al momento il punto di arrivo del percorso evolutivo in materia di trasparenza amministrativa intesa come accessibilità totale delle informazioni e dei dati detenuti dalle pubbliche amministrazioni, allo scopo di tutelare i diritti dei cittadini, promuovere la partecipazione degli interessati all’attività amministrativa e favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’uso delle risorse pubbliche”.
Nella delibera ANAC n. 241/2017, viene chiarito che “gli obblighi di pubblicazione .. gravano su tutti i dirigenti pubblici, siano essi titolari di incarichi amministrativi di vertice e meno, dirigenti interni o esterni all’amministrazione, titolari di incarichi di funzione dirigenziale nell’ambito degli uffici di diretta collaborazione o dirigenti che svolgono funzioni ispettive, di consulenza, studio e ricerca. La delibera passa, poi, in rassegna alcuni casi particolari tra cui…

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE QUI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>