Questo articolo è stato letto 4 volte

Le assunzioni nelle regioni e negli enti locali

le-assunzioni-nelle-regioni-e-negli-enti-locali.jpg

di C. Dell’Erba (www.ilpersonale.it 19/1/2015)

Sono assai pesanti i vincoli dettati dalla legge di stabilità 2015, legge n. 190/2014, alle assunzioni di personale nelle regioni e negli locali, nonché nelle amministrazioni statali, per gli anni 2015 e 2016. Siamo in presenza di una scelta che si muove in direzione assai diversa, per non dire opposta, rispetto alle indicazioni dettate dal d.l. n. 90/2014 appena la scorsa estate. Alla base di questa scelta legislativa il tentativo di risolvere i problemi legati alla applicazione delle previsioni della stessa legge di stabilità che impongono un drastico taglio di personale alle province, il 50% che scende al 30% nelle città metropolitane e nelle province montane che confinano con altre nazioni. Con questi vincoli il legislatore vuole spingere le amministrazioni locali e regionali, nonché le stesse amministrazioni statali, a dare corso all’assorbimento del personale messo in mobilità dalle province. È una operazione assolutamente inedita e che si scontra con l’assenza di risorse aggiuntive e con la condizione di pesante difficoltà in cui si dibattono le amministrazioni locali.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>