Questo articolo è stato letto 24 volte

L’attivazione del procedimento disciplinare

lattivazione-del-procedimento-disciplinare.jpeg

di R. Squeglia (www.ilpersonale.it 28/6/2013)

Oltre alle competenze dell’ufficio per i procedimenti disciplinari, che secondo l’art. 55-bis, comma 4, del d.lgs. n. 165/2001, gestisce i procedimenti di maggior rilevanza, dagli undici giorni di sospensione sino al licenziamento senza preavviso, l’altro attore coinvolto nel procedimento disciplinare è il responsabile della struttura ove il dipendente lavora.
A tale soggetto, i commi 2, 3 e 4 dell’art. 55-bis, come introdotto dal d.lgs. n. 150/2009, riserva due fondamentali e delicate valutazioni:

– il primo giudizio circa la rilevanza disciplinare dei fatti commessi;
– la considerazione dell’esorbitanza o meno dalla sanzione disciplinare della sospensione fino a dieci giorni dal servizio (nella previgente versione, retta dall’art. 55 comma 4, rimprovero verbale e della censura). Nell’affermativa, egli è tenuto a segnalare i fatti all’ufficio per i procedimenti disciplinari, al fine dell’instaurazione del procedimento disciplinare, mentre nel caso opposto procede direttamente ad instaurare il procedimento ed a definirlo irrogando una sanzione non superiore alla censura.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>