Questo articolo è stato letto 5 volte

La tutela nei confronti del licenziamento disciplinare illegittimo dopo il Jobs act

la-tutela-nei-confronti-del-licenziamento-disciplinare-illegittimo-dopo-il-jobs-act.jpg

di R. Squeglia (www.ilpersonale.it 16/1/2015)

Con lo schema di decreto legislativo segnalato, che, giova premetterlo, allo stato non risulta ancora pubblicato in Gazzetta Ufficiale, il Governo ha dato attuazione alla delega contenuta nella legge 10 dicembre 2014, n. 183, art. 1 comma 7 lett. c), prevedendo, “…per le nuove assunzioni, (il) contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti in relazione all’anzianita’ di servizio, escludendo per i licenziamenti economici la possibilita’ della reintegrazione del lavoratore nel posto di lavoro, prevedendo un indennizzo economico certo e crescente con l’anzianita’ di servizio e limitando il diritto alla reintegrazione ai licenziamenti nulli e discriminatori e a specifiche fattispecie di licenziamento disciplinare ingiustificato, nonche’ prevedendo termini certi per l’impugnazione del licenziamento”.

Continua a leggere l’articolo

 

Jobs Act e le nuove regole del licenziamento

Primo decreto attuativo della Riforma del lavoro

• Formulario  Giurisprudenza  Schemi

Aggiornato al D.Lgs. 4 marzo 2015 n. 23 (G.U. del 06/03/2015, n. 54), in vigore dal 7 marzo 2015

» Acquista Subito

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>