Questo articolo è stato letto 5 volte

La Tobin Tax e la previdenza complementare

la-tobin-tax-e-la-previdenza-complementare.jpeg

S. Oddo Casano (www.ilpersonale.it 13/6/2013)

La “Tobin Tax” è una delle espressioni esterofile cui gli italiani, lavoratori e non, hanno dovuto abituarsi: se non a conoscerne perfettamente il significato, almeno a impararne l’esistenza.

Infatti, a decorrere dal 1° marzo 2013, è in vigore in Italia: imposta sulle transazioni finanziarie, prende il nome dal suo “inventore”, il premio Nobel per l’economia James Tobin, con  l’obiettivo di stabilizzare i mercati finanziari, penalizzare le speculazioni valutarie a breve termine e raggiungere la stabilità valutaria internazionale.

Proposta da Tobin nel 1972, è stata introdotta in Italia con la legge di stabilità per il 2013, la legge n. 228 del 2012; viene utilizzata in modo generico per indicare imposte differenti sia per aliquota sia per decorrenza: quella sulle transazioni (che hanno per oggetto i titoli), quella sulle operazioni in derivati, quella sulle operazioni cosiddette “ad alta frequenza”.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>