Questo articolo è stato letto 1 volte

La pubblica amministrazione non ha l’onere di ricerca “al buio” dei documenti a corredo di un concorso pubblico

la-pubblica-amministrazione-non-ha-l-onere-di-ricerca-al-buio-dei-documenti-a-corredo-di-un-concorso-pubblico.jpg

di L. Boiero (www.ilpersonale.it 28/5/2015)

Con provvedimento dirigenziale del 3 luglio 2007 una Regione aveva indetto un concorso pubblico, per esami, per la copertura di venti posizioni dirigenziali, prevedendo, tra l’altro, che i candidati dovessero dichiarare il possesso di titoli che dessero diritto a preferenza, a parità di punteggio, così come previsto dall’art. 5 del d.P.R. 9 maggio 1994, n. 487.
Lo stesso bando stabiliva anche la mancata presa in considerazione,  in sede di formazione della graduatoria, dei titoli di riserva e di preferenza, qualora non espressamente dichiarati.
Presentavano domanda di ammissione al concorso – tra gli altri – due candidate, entrambe dichiarando di essere dipendenti del medesimo Ente che aveva bandito il posto, con rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, e indicando il possesso dei propri titoli, consistenti nell’avere dei figli a carico.
Ambedue superavano le prove del concorso, classificandosi a pari merito con altri candidati e nella graduatoria finale, le due dipendenti oggetto del fatto si collocavano a breve distanza l’una dall’altra.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>