Questo articolo è stato letto 0 volte

La piccola casta delle auto blu

Gli amministratori, i responsabili degli enti e i dirigenti delle aziende ospedaliere e sanitarie locali non disdegnano l’auto blu, ma ne fanno uso con moderazione. Tanto che in Bergamasca il rapporto fra il numero di veicoli muniti di autista e quello dei cittadini residenti è di 1 ogni 58mila circa (ovvero 19 in tutto), contro una media nazionale di un veicolo ogni 5700 abitanti. E’ quanto risulta da una rilevazione del ministero della Funzione Pubblica, secondo i dati di un censimento commissionato a FormezPA (disponibili on-line sul sito www.censimentoautopa. gov.it). La rilevazione si è svolta tra il 6 dicembre 2011 e il 20 gennaio 2012. In questo arco di tempo hanno partecipato al censimento, su tutto il territorio nazionale, 7.214 enti, pari all’87,2% del totale, che comprende tutti gli enti inseriti nell’elenco Istat, meno quelli che in base al Pra-Aci posseggono una o nessuna auto. Fra le amministrazioni che hanno risposto al censimento (facoltativo), le principali sono state le Regioni, le Università, le Camere di Commercio, le Province, i Comuni capoluogo e le Asl (oltre il 95%); per quanto concerne la distribuzione geografica, è prevalso il Nord con una percentuale abbondantemente sopra il 90%, il Centro con percentuali intorno all’80%, mentre le Regioni meridionali si sono attestate poco sopra il 70% (fanalini di coda sono Calabria, Sicilia e Campania). Delle 64.524 auto possedute a diverso titolo dalle pubbliche amministrazioni, 10.634 sono risultate essere le auto blu in senso stretto, considerate auto di rappresentanza con autista, mentre le cosiddette auto grigie sono 53.890. Si tratta di auto di servizio e fra queste ultime una fetta significative sono quelle delle Asl, 18.426, fra le quali, però, ci sono ad esempio le auto per il trasporto di sangue e per accompagnare i medici. Sarà per questo che anche a Bergamo è risultato che proprio l’Asl, fra tutti gli enti e le aziende pubbliche, possiede il maggior numero di auto: 138 in tutto, ma una sola “blu”, ovvero con autista. Fra le aziende ospedaliere/sanitarie seguono nella nostra provincia, per numero complessivo di veicoli, i Riuniti di Bergamo (35 – 2 blu), il “Bolognini” di Seriate (21 – 2 blu) e l’ospedale di Treviglio (18 – 3 blu). Per quanto riguarda gli enti pubblici, ovvero Provincia e Comuni con più di 15mila abitanti, è via Tasso a possedere il parco auto più ampio: 71 vetture, di cui 4 blu. Seguono il Comune di Bergamo (66 – 4 blu), quelli di Albino e Treviglio (12 auto a testa, ma nessuna blu), Dalmine (7), Caravaggio e Seriate (6 e 1 blu ciascuno) e infine Romano di Lombardia (2). Quanto alle comunità montane e ai consorzi di varia natura, l’unico ente a possedere un’auto blu è il Consorzio Parco delle Orobie bergamasche, ma il maggior numero di veicoli li hanno la Comunità montana dei laghi bergamaschi e il Consorzio di Polizia municipale dell’Isola (18 a testa).

Fonte: Giornale di Bergamo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>