Questo articolo è stato letto 18 volte

La mancata notifica della contestazione non comporta la reintegrazione del dirigente licenziato

la-mancata-notifica-della-contestazione-non-comporta-la-reintegrazione-del-dirigente-licenziato.jpg

di R. Squeglia (www.ilpersonale.it 8/5/2015)

La pronuncia del Tribunale di Genova del 13 marzo 2015 qui segnalata è di speciale interesse soffermandosi su due aspetti entrambi di particolare rilievo per la tematica disciplinare nel pubblico impiego privatizzato: modalità della notifica della contestazione di addebito e tutela accordata al dirigente licenziato una volta che venga dichiarata la illegittimità del provvedimento espulsivo.

Nel caso sottoposto all’attenzione del giudice del lavoro del Tribunale ligure, è controversa la legittimità del licenziamento irrogato in danno di un dirigente medico dall’ASL da cui dipendeva, a seguito di procedimento disciplinare avviato e poi sospeso per connessione a procedimento penale.

Definito quest’ultimo in appello con la dichiarazione di intervenuta prescrizione dei reati per i quali era stata emessa condanna in primo grado alla pena di anni uno e mesi due di reclusione, l’ASL riattivava la procedura disciplinare irrogando una sanzione espulsiva.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>