Questo articolo è stato letto 283 volte

La gestione delle Posizioni Organizzative nel nuovo CCNL Funzioni Locali

La legge sulla concretezza amministrativa

Il nuovo CCNL Funzioni Locali ha introdotto diverse novità in merito alla disciplina dell’area delle Posizioni Organizzative, tra le quali:
– la facoltà di delega di funzioni dirigenziali;
– la remunerabilità di funzioni attribuite ad interim;
– nuove e più alte “tariffe” retributive di posizione per tutti gli Enti del comparto;
– nuove modalità di indennizzo delle posizioni conferite “a scavalco” tra più Amministrazioni.

Scompare, poi, la quantificazione individuale del premio di risultato, oggi gestibile a valere su un’unica quota del Fondo dedicato a tali incarichi, per la prima volta separato da quello del restante personale anche negli Enti dotati della qualifica dirigenziale. Il nuovo assetto regolativo impone, con termine ultimo fissato al 20 maggio 2019, di revisionare organicamente i regolamenti delle Amministrazioni, necessari per dare attuazione “personalizzata” alle diverse realtà dimensionali e funzionali degli Enti, ferma la distinta natura degli incarichi conferiti negli Enti privi della qualifica dirigenziale.

Per approfondire l’importante tema Maggioli Editore presenta la videoconferenza online intitolata La gestione delle Posizioni Organizzative nel nuovo CCNL Funzioni Locali. La videoconferenza, della durata di 1 ora, si svolgerà mercoledì prossimo 17 aprile alle ore 11,30, all’interno del ciclo 2019 de ilPersonale Channel. All’interno verrà illustrato in modo “ragionato” il complesso delle nuove disposizioni e le opportunità per una migliore gestione degli incarichi, anche in correlazione alle dinamiche di impiego delle risorse disponibili a legislazione finanziaria vigente.

Il docente Giuseppe Canossi illustrerà, attraverso un taglio prettamente operativo, i nodi di rilievo relativi alla materia.

La videoconferenza è gratuita per gli ABBONATI a IlPersonale.it.
>> ISCRIVITI QUI.
>> Per i NON ABBONATI è possibile acquistare il videocorso qui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>