Questo articolo è stato letto 1 volte

La gestione del rischio di corruzione

la-gestione-del-rischio-di-corruzione.jpg

di G. Crepaldi (www.ilpersonale.it 6/11/2013)

Fra gli adempimenti imposti dalla normativa anticorruzione assume particolare importanza l’individuazione, in ciascuna amministrazione, delle aree di rischio, ossia ambiti dell’attività amministrativa che, in base all’esperienza, si espongono particolarmente a rischi di corruzione.
Le aree di rischio obbligatorie, sono definite dall’art. 1, comma 16, della legge n. 190/2012 e riguardano i procedimenti di: a) autorizzazione o concessione; b) scelta del contraente per l’affidamento di lavori, forniture e servizi; c) concessione ed erogazione di sovvenzioni, contributi, sussidi, ausili finanziari, nonché attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati; d) concorsi e prove selettive per l’assunzione del personale e progressioni di carriera.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>