Questo articolo è stato letto 114 volte

La Corte dei conti sul lavoro pubblico (Parte II)

Approfondimento di Carlo Dell'Erba

La Corte dei conti sul lavoro pubblico

La spesa totale del personale dei Comuni registra nel triennio una riduzione, rispetto al 2015, di circa 436 milioni (-4,05%) a fronte di una contrazione di 9.866 unità di personale rispetto al 2015 (-2,25% direttori generali e segretari comunali, -4,80% personale dirigente e -3,17% personale non dirigenziale).

I Comuni

Tuttavia, alla riduzione della consistenza di personale di qualifica apicale (Direttori generali, Segretari comunali e Dirigenti) non corrisponde una proporzionale riduzione della spesa che, nel 2017, sebbene inferiore a quella del 2015, inverte la tendenza discendente che l’aveva caratterizzata fino al 2016 e riprende a salire. Nello specifico, a livello nazionale, mentre la consistenza media totale del menzionato personale si contrae, la correlata spesa netta flette in misura meno che proporzionale e la spesa media aumenta. In relazione alle medesime qualifiche emerge, altresì, una tendenza generalizzata all’incremento della spesa per retribuzione di risultato. Diversamente, il confronto fra la consistenza e la spesa netta del personale di qualifica non dirigenziale, sterilizzata dalla parte legata ai contratti di lavoro flessibile, conferma il trend netto discendente della spesa, che permane tale anche nel passaggio dal 2016 al 2017 in cui si registra un lieve incremento di consistenza”.
Altro dato molto rilevante è il seguente: “la consistenza media del personale complessivo (dirigente e non) rispetto alla popolazione è stata di 6,32 dipendenti ogni mille abitanti (nelle Regioni a Statuto Ordinario è di 5,98), trainata dal personale dei Comuni delle Regioni a Statuto Speciale, in cui la media è stata di 8,26 dipendenti ogni mille abitanti, con punte massime in Valle d’Aosta (9,91) e Sicilia (8,88)”.

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE QUI.  

>> QUI DISPONIBILE LA PRIMA PARTE DELL’ARTICOLO.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>