Questo articolo è stato letto 340 volte

La Corte dei conti conferma il divieto di assunzioni in mancanza del nuovo fabbisogno del personale

Approfondimento di Vincenzo Giannotti

Gli incentivi per funzioni tecniche per le attività di manutenzione straordinaria e ordinaria

Gli Enti locali avrebbero dovuto adeguare la propria programmazione del personale secondo le linee di indirizzo il decreto del Ministero della Pubblica Amministrazione 8 maggio 2018 entro sessanta giorni dalla sua pubblicazione, avvenuta in Gazzetta Ufficiale n. 173 del 27 luglio 2018, ossia entro la data del 25 settembre 2018 pena il divieto di procedere a nuove assunzioni nell’anno. Tali sono le conclusioni cui è pervenuta la Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per il Veneto, nella deliberazione del 20 dicembre 2018, n. 548.

La domanda posta da un Ente locale

Il Sindaco di un Comune ha chiesto se sia possibile effettuare lo scorrimento di una graduatoria esistente (approvata nell’anno 2008), in caso di esito negativo della mobilità volontaria ed obbligatoria, di personale di categoria B3, pur non avendo posti in disponibilità nella precedente dotazione organica, ma riclassificando un posto vacante attualmente presente nella dotazione organica teorica in categoria C. Secondo la prospettazione dell’ente locale, tale soluzione dovrebbe essere assentibile considerando che le nuove linee guida della Funzione Pubblica hanno tramutato la dotazione organica da teorica in finanziaria lasciando nella discrezionalità dell’ente la scelta delle figure professionali da coprire secondo le proprie esigenze operative. Nel caso di specie, la copertura finanziaria della riclassificazione della categoria C in quella di B3 sarebbe più conveniente in considerazione del risparmio finanziario tra le due categorie.

Le indicazioni dei giudici contabili

Dopo aver evidenziato gli attuali vincoli ed adempimenti di ricognizione previsti dall’attuale normativa in tema di assunzione del personale, i giudici contabili si soffermano sulla concreta applicazione delle linee guida del Ministero della pubblica amministrazione, adottate in conformità al riordino dell’organizzazione della PA contenute nella legge delega n. 124/2015, attuate con il decreto legislativo n. 75/2017 che ha demandato ad un decreto ministeriale, di natura non regolamentare, l’emanazione delle Linee di indirizzo per la predisposizione dei piani dei fabbisogni di personale da parte delle PA (d.m. 8 maggio 2018 pubblicato nella G.U. n.173 del 27 luglio 2018), al fine di orientare la PA nella concreta predisposizione dei piani dei fabbisogni di personale.

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO QUI.

La nuova programmazione del fabbisogno del personale

La nuova programmazione del fabbisogno del personale

Vincenzo Giannotti, 2018, Maggioli Editore
Il fabbisogno del personale, prima disegnato dal d.lgs.75/2017 e successivamente dettagliato dalle linee di indirizzo del decreto dell'8/5/2018 pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 27/07/2018, sta creando concreti problemi operativi agli addetti ai lavori che devono verificare i due nuovi limiti...

59,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>