Questo articolo è stato letto 15 volte

L’ARAN modifica la propria posizione sugli incentivi al personale nei processi tributari

l-aran-modifica-la-propria-posizione-sugli-incentivi-al-personale-nei-processi-tributari.jpeg

di V. Giannotti (www.ilpersonale.it 25/2/2014)

Si è già avuto modo di evidenziare in un precedente articolo (Incentivi al personale nei processi tributari e del lavoro (www.ilpersonale.it 18/6/2013)) la posizione restrittiva dell’ARAN sulla possibilità di remunerare il personale a seguito dei rimborsi delle spese di giudizio correlati alla soccombenza della parte avversa in sede di ricorsi tributari. Tale possibilità era contenuta nelle disposizioni di cui al C.c.n.l. del 5 ottobre 2001 all’art.4, comma 3, il quale aveva inserito, tra le risorse di cui all’art. 15, comma 1, lett. k) (specifiche disposizioni di legge per l’incentivazione di prestazioni o risultati del personale), i rimborsi di tali spese, secondo gli effetti applicativi dell’art. 1, comma 1, lett. 2-bis del d.lgs. n. 546/1992 secondo il quale: “2-bis Nella liquidazione delle spese a favore dell’ufficio del Ministero delle finanze, se assistito da funzionari dell’amministrazione, e a favore dell’ente locale, se assistito da propri dipendenti, si applica la tariffa vigente per gli avvocati e procuratori, con la riduzione del venti per cento degli onorari di avvocato ivi previsti. La riscossione avviene mediante iscrizione a ruolo a titolo definitivo dopo il passaggio in giudicato della sentenza. La riscossione avviene mediante iscrizione a ruolo a titolo definitivo dopo il passaggio in giudicato della sentenza”.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>