Questo articolo è stato letto 451 volte

Incarichi dirigenziali: i giudici contabili intervengono sull’obbligatoria rotazione – Il Commento di V. Giannotti

incarichi-dirigenziali

di V. Giannotti

Il rinnovo di un incarico dirigenziale è stato sottoposto all’attenzione dei giudici contabili al fine di verificarne la legittimità. In particolare l’Amministrazione pubblica aveva avuto modo di evidenziare come il rinnovo dell’incarico dirigenziale, effettuato in assenza delle procedure di valutazione comparativa previste dall’art.19 del D.Lgs. n.165/2001, era stato disposto al fine di assicurare la certezza delle situazioni giuridiche e garantire la continuità dell’azione amministrativa, in ragione dell’alto livello di specializzazione dei compiti assegnati all’Ufficio, della particolare competenza posseduta e dei buoni risultati raggiunti dal dirigente preposto. Sul punto il magistrato contabile istruttore evidenzia, in via preliminare, come il rinnovo dell’incarico, specie se reiterato, rappresentando un istituto di carattere eccezionale e derogatorio, deve comunque rispettare i limiti di una ragionevole durata e soggiacere a quanto imposto dalla legge n.190/2012 (c.d. normativa anticorruzione). Proprio in merito alla citata normativa anticorruzione, si sottolinea come il rinnovo dell’incarico dirigenziale si riferisca ad un servizio che si occupa delle procedure relative agli appalti per lavori e forniture di beni e servizi nonché degli affidamenti in economia di competenza dell’Amministrazione, e come tale lo stesso appare particolarmente sensibile alle linee guida sulla normativa citata, in quanto settore da considerare particolarmente esposto a potenziali rischi corruttivi (es. art.1, co.16, legge n.190/2012).
In considerazione della protrazione del citato incarico dirigenziale (per circa 13 anni), il magistrato istruttore, deferisce la questione di legittimità al Collegio contabile al fine di verificare se esistano i presupposti per l’eventuale visto di legittimità richiesto dall’Amministrazione pubblica (nel caso di specie una Prefettura), in considerazione dell’insufficiente generico riferimento di garantire la continuità amministrativa e il buon andamento dell’attività amministrativa in rapporto a importanti e delicate procedure in itinere in quanto se la presenza, del tutto ordinaria e fisiologica, di procedure amministrative in itinere, pur importanti e delicate, comportasse automaticamente la possibilità di rinnovare gli incarichi dirigenziali in asserita applicazione del principio di buon andamento e di continuità amministrativa, finirebbe con essere sostanzialmente vanificata la normativa che, in materia di conferimento degli incarichi dirigenziali, impone invece la rotazione degli incarichi, l’espletamento di procedure comparative e la presenza di precisi limiti temporali.

Continua a leggere l’articolo

 

Novità editoriale:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>