Questo articolo è stato letto 0 volte

In arrivo 100 mila posti nella p.a., così il governo manipola il pil

Infornata di assunzioni nella pubblica amministrazione e per di più per decreto legge.
Una emergenza nazionale, dunque, quella di stabilizzare senza concorso con contratti permanenti 60 mila precari della p.a. (in realtà neppure le cifre fornite dal governo sono puntuali), più altri 35 mila nella sanità a cui vanno aggiunti mille nuovi pompieri.
Tutti gli altri paesi dell’eurozona in crisi da spread stanno da tempo tagliando organici e stipendi della macchina pubblica per ridurre la spesa corrente, mentre l’Italia delle larghe intese procede, nonostante il differenziale tra Btp e Bund sia tornato sopra 250, a una crescita dei costi fissi futuri per il bilancio dello stato senza molti precedenti.Una notizia che, ovviamente, non piace ai mercati e agli investitori e che spiega anche la nuova fibrillazione dello spread.
E per una ragione semplicissima: in questo modo il pil italiano è manipolato al rialzo e il confronto con quello degli altri paesi dell’eurozona diventa ancora più difficile.
Le convenzioni per il calcolo della ricchezza annualmente prodotta da un paese sono utili per scoprire l’arcano.
Quando un bene o un servizio è prodotto da un’impresa privata il suo costo finale di scambio finisce nel computo del pil annuo.
Una Fiat 500 prodotta nel 2013 contribuisce per, diciamo, 12 mila euro al pil italiano.
Ma quando si tratta di p.a.
che eroga servizi senza corrispettivo sono i costi di produzione che «si fanno» pil.
Il costo del personale pubblico, senza alcuna correzione da parte della produttività, si aggrega e si trasforma in ricchezza prodotta.
Più dipendenti ha la p.a.
più elevato è il suo contributo al pil annuo.
Non conta quanto produce, nel senso che se la Finlandia spende 100 per gestire 100 mln di fondi di ricerca e l’Italia con gli stessi 100 ne gestisce 30 o se la Danimarca spende 100 per «lavorare» 20 pratiche di impatto ambientale e l’Italia con la stessa somma ne produce 5, per tutti i paesi quello che conta ai fini del calcolo del pil annuo è la spesa di 100 per il personale impiegato.Qui entra in campo l’impatto del dl Letta: il costo dei precari trasformati ex lege in dipendenti diventa pil per sempre.
Significa, ad esempio, che rispetto al Portogallo, dove dal 2011 i salari pubblici sono stati tagliati in media del 5% e l’organico è sceso dell’1% nel 2012 e 2013 a livello centrale e del 2% negli enti locali e licenziati il 15% dei dirigenti, il pil italiano è drogato al rialzo dal costo della p.a.
Il calo dello 0,2% nel secondo trimestre sarebbe stato maggiore se interventi strutturali sulla p.a.
fossero stati presi come in Portogallo il cui pil, peraltro, è cresciuto dell’1,1%.
Poi non deve sorprendere se i Bonos spagnoli vanno meglio dei Btp.

Fonte: Italia Oggi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>