Questo articolo è stato letto 5 volte

Il trattamento di fine servizio per i direttori delle ASL

il-trattamento-di-fine-servizio-per-i-direttori-delle-asl.jpeg

di S. Oddo Casano (www.ilpersonale.it 24/1/2013)

Come è noto, i dipendenti pubblici possono essere collocati in aspettativa per svolgere un incarico loro affidato, un incarico che può avere natura diversa: sindacale, politica, istituzionale.

Nel caso che trattiamo in questa pagina oggi, acquistano rilievo le posizioni di quei lavoratori dipendenti da una pubblica amministrazione che vengono incaricati di rivestire il ruolo di direttore generale, amministrativo o sanitario di un’Azienda sanitaria locale o di un’Azienda ospedaliera, senza percepire assegni ma con il diritto al mantenimento del posto, e con il periodo trascorso in aspettativa considerato utile ai fini del trattamento di quiescenza e di previdenza.

Il caso è sorto sulla liquidazione della prestazione previdenziale (il trattamento di fine servizio): in particolare, sulla sua base di computo.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>