Questo articolo è stato letto 403 volte

Il possibile ricalcolo del fondo delle risorse decentrate ed il recupero delle somme erogate in eccesso

Approfondimento di V. Giannotti

salario accessorio

I responsabili dei servizi del personale, unitamente ai revisori dei conti, hanno da sempre posto un problema circa la reale consistenza del fondo delle risorse decentrate, sulla possibilità di un suo eventuale ricalcolo e sulle conseguenze operative in merito al recupero delle risorse certificate come eccedenti. Anche a fronte di una normativa non sempre unanime, sulle condizioni sia di costituzione che di utilizzazione dei fondi decentrati, il legislatore è intervenuto con diversi provvedimenti in via legislativa, ma anche questi hanno creato problemi di interpretazione di non facile applicazione pratica, certificando anche in tale occasione le oggettive difficoltà per una corretta rappresentazione delle regole contrattuali. In un recente parere dei giudici contabili, trovano interessanti risposte alcuni interrogativi sulla operatività delle disposizioni contrattuali e legislative. In merito all’operatività delle disposizioni contrattuali, non sono pochi gli enti che non hanno nel tempo correttamente applicato le disposizioni delle c.d. PEO a bilancio, ovvero il differenziale delle progressioni economiche orizzontali ottenuto in sede di rinnovi contrattuali, secondo le indicazioni inserite nelle dichiarazioni congiunte. Per quanto riguarda, invece, la corretta applicazione delle opportunità concesse dalla legge di stabilità 2016, avuto riguardo al recupero di eventuali importi erroneamente calcolati in eccesso, da compensare mediante rinuncia delle capacità assunzionali, ci si è chiesto se le stesse possono estendersi anche ai c.d. resti assunzionali. Le risposte ai citati interrogativi sono state fornite dalla Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per la Toscana, con la deliberazione n.98 depositata in data 28/03/2017, qui di seguito commentata.

Sul possibile ricalcolo delle PEO a bilancio

A seguito delle varie dichiarazioni congiunte sui rinnovi contrattuali (n. 14 del C.c.n.l. 22 gennaio 2004; n. 4 del C.c.n.l. 9 maggio 2006 e nella Dichiarazione congiunta n.1 del C.c.n.l. 31 luglio 2009) è stato stabilito che la parte che finanzia l’incremento delle posizioni di sviluppo economico, essendo già inclusa nel valore dei rinnovi contrattuali, avrebbe dovuto incrementare le risorse di parte fissa (per una trattazione con la tabella excel esplicativa si rinvia all’articolo di questa rivista www.ilpersonale.it 20/3/2012).

Continua a leggere l’articolo

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>