Questo articolo è stato letto 14 volte

Il personale dei comuni con contratto di telelavoro [scheda n. 21]

il-personale-dei-comuni-con-contratto-di-telelavoro-scheda-n-21.jpg

Il telelavoro(1) è, per il personale comunale con un contratto a tempo indeterminato, una differente modalità di svolgimento dell’orario di servizio rispetto a quella ordinaria. Si tratta di uno strumento non ancora molto diffuso tra le amministrazioni comunali italiane. Le unità annue di personale comunale a tempo indeterminato che usufruiscono di questa possibilità sono 310. (Tabella 1). Da rilevare che nelle realtà comunali del Friuli-Venezia Giulia, dell’Umbria, dell’Abruzzo e del Molise tale tipologia contrattuale non è contemplata affatto. L’incidenza delle donne è elevata: costituiscono poco meno dei tre quarti del totale (73,3%). Tale strumento di flessibilità nello svolgimento dell’orario di servizio trova diffusione soprattutto nei comuni delle regioni del nord. In particolare, nelle amministrazioni comunali dell’Emilia-Romagna, si rileva il valore più alto, 64 unità annue di personale comunale a tempo indeterminato, con un’incidenza del personale di genere femminile che sfiora l’80%. Seguono le amministrazioni della Lombardia, con 59 unità annue, e del Veneto, con 46 unità, rispettivamente pari al 19,0% e al 14,8% del totale. Valori rilevanti si riscontrano anche nelle amministrazioni comunali del Trentino-Alto Adige, del Piemonte, della Toscana e della Campania.

Tabella 1 Il personale con contratti telelavoro, per genere e regione, 2013 

Regione 

Valore assoluto 

Valore percentuale 

Incidenza % donne 

Uomini 

Donne 

Totale 

Piemonte 

32 

34 

11,0% 

94,1% 

Valle d’Aosta 

0,3% 

100,0% 

Lombardia 

17 

42 

59 

19,0% 

71,1% 

Trentino-Alto Adige 

31 

37 

12,0% 

83,2% 

Veneto 

42 

46 

14,8% 

91,3% 

Friuli-Venezia Giulia 

0,0% 

– 

Liguria 

2,9% 

77,8% 

Emilia-Romagna 

13 

51 

64 

20,6% 

79,7% 

Toscana 

15 

19 

6,1% 

78,9% 

Umbria 

0,0% 

– 

Marche 

1,3% 

36,5% 

Lazio 

0,3% 

0,0% 

Abruzzo 

0,0% 

– 

Molise 

0,0% 

– 

Campania 

13 

17 

5,5% 

23,5% 

Puglia 

2,9% 

11,1% 

Basilicata 

0,3% 

0,0% 

Calabria 

2,3% 

0,0% 

Sicilia 

0,3% 

0,0% 

Sardegna 

0,3% 

0,0% 

Totale 

83 

227 

310 

100,0% 

73,3% 

Fonte: elaborazione IFEL-Dipartimento Studi Economia Territoriale su dati Ministero dell’Economia e delle Finanze, 2015 

Per quanto riguarda la diffusione del telelavoro per classi di ampiezza demografica, si assiste ad un incremento di tale tipologia contrattuale, in linea di massima, all’aumentare della popolosità comunale (Tabella 2). Nei comuni che superano i 250.000 cittadini si registra il valore più elevato, pari a 106 unità annue, il 34,2% del totale. L’incidenza delle donne è superiore al valore medio del 73,3% nei comuni con meno di 2.000 residenti e in quelli con una popolazione superiore a 20.000 abitanti. Nelle realtà comunali con oltre 250.000 cittadini tale dato raggiunge il valore più elevato, pari al 90,6%.

Tabella 2 Il personale con contratti telelavoro, per genere e classe demografica, 2013 

Classe di ampiezza demografica 

Valore assoluto 

Valore percentuale 

Incidenza % donne 

Uomini 

Donne 

Totale 

0 – 1.999 

1,3% 

75,0% 

2.000 – 4.999 

11 

17 

5,5% 

35,3% 

5.000 – 9.999 

23 

31 

10,1% 

25,6% 

10.000 – 19.999 

17 

12 

28 

9,1% 

40,9% 

20.000 – 59.999 

45 

53 

17,1% 

84,9% 

60.000 – 249.999 

13 

58 

71 

22,9% 

81,7% 

>= 250.000 

10 

96 

106 

34,2% 

90,6% 

Totale 

83 

227 

310 

100,0% 

73,3% 

Fonte: elaborazione IFEL-Dipartimento Studi Economia Territoriale su dati Ministero dell’Economia e delle Finanze, 2015 

(1) Il Telelavoro è una modalità flessibile di lavoro prevista dalla legge n. 191/98 e dall’accordo quadro A.Ra.N./OO.SS. del 23.3.2000. La prestazione lavorativa è disciplinata, per il personale a tempo indeterminato, dal contratto collettivo di comparto e dalla contrattazione collettiva integrativa di ente sulla base di progetti predisposti dall’Amministrazione. La prestazione è contraddistinta dai seguenti elementi: utilizzo di collegamenti informatici; distanza del lavoratore dalla sede di servizio presso il quale lo stesso presta servizio. L’ammontare di questa tipologia di personale viene quantificata in termini di “unità annue”. Tale valore si ottiene sommando i mesi lavorati, distintamente per ciascuna delle tipologie, per categoria di personale e per genere, e dividendo tale valore per i 12 mesi dell’anno.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>