Questo articolo è stato letto 491 volte

Il mancato rispetto dell’orario di lavoro da parte del dipendente gravemente demansionato non giustifica il licenziamento disciplinare

il-mancato-rispetto-dellorario-di-lavoro-da-parte-del-dipendente-gravemente-demansionato-non-giustifica-il-licenziamento-disciplinare.jpeg

di R. Squeglia (www.ilpersonale.it 22/2/2013)

In questa rubrica è stato già trattato, segnalando arresti giurisprudenziali meritevoli di attenzione sul tema oggetto del presente lavoro. Non si esita però a sottoporre all’attenzione dei lettori la recente pronuncia della sezione lavoro della Suprema Corte di Cassazione (n. 1693, depositata il 24 gennaio 2013) che ha calato i principi giurisprudenziali già affermati in tema di applicazione del principio “inadimplenti non est adimplendum” stabilito dall’art. 1460 c.c. al procedimento disciplinare, con speciale riferimento alla legittimità del licenziamento irrogato a carico di un dipendente che abbia reiteratamente omesso di rispettare l’orario di lavoro.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>