Questo articolo è stato letto 751 volte

Il Fondo e la contrattazione nel 2017

Approfondimento di C. Dell'Erba

assunzioni

Il D.Lgs. n. 75/2017 detta le regole per la determinazione del tetto delle risorse che le amministrazioni possono destinare al salario accessorio già a partire dall’anno 2017. Tali indicazioni sono chiare ed univoche, mentre permangono, a seguito della deliberazione della sezione autonomie della Corte dei Conti n. 7/2017, ancora numerosi dubbi sulla inclusione in tale tetto delle somme destinate alla incentivazione delle funzioni tecniche. Con la direttiva il Governo detta le linee guida che l’Aran dovrà applicare nel rinnovo dei contratti collettivi nazionali di lavoro, ma non viene ancora fissato in modo esaustivo il tetto delle risorse necessarie al finanziamento dei rinnovi contrattuali.

Le risorse per il salario accessorio nel 2017

Il D.Lgs. n. 75/2017 detta il tetto dei fondi per il salario accessorio, dei dirigenti e dei dipendenti, stabilendo che in attesa dell’armonizzazione del trattamento economico accessorio, esse non possano superare quelle stanziate allo stesso titolo nell’anno 2016. Per superare ogni possibile dubbio sulla applicazione delle nuove disposizioni nella fase attuale, cioè nel periodo transitorio, la disposizione stabilisce che le nuove regole si applichino già dallo 1.1.2017 e che sia abrogato il comma 236 della legge n. 208/2015, che ricordiamo avere disposto che le risorse per il salario accessorio non debbano superare quelle del 2015 e che esse debbano essere ridotte in proporzione alla diminuzione del personale e/o dei dirigenti in servizio, tenendo conto del personale assumibile. Cioè una disposizione che, ancorchè con poche variazioni, ha ripreso le indicazioni dettate per il periodo 2011/2014 dall’articolo 9, comma 2 bis, del DL n. 78/2010.
Sulla base delle nuove regole in tutte le amministrazioni pubbliche le risorse per il salario accessorio, a partire soprattutto dal fondo per le risorse decentrate, già nell’anno 2017 non devono superare il tetto del 2016. La nuova disposizione produce i suoi effetti anche nelle realtà in cui i fondi sono stati già costituiti; essa non prevede il consolidamento dei tagli effettuati nell’anno 2016, visto che stabilisce un tetto invalicabile. L’altra conseguenza di grande rilievo è che già a partire dal 2017 non si applica il vincolo della riduzione delle risorse destinate alla incentivazione del personale, a partire dal fondo per la contrattazione decentrata, in caso di diminuzione del personale e/o dei dirigenti in servizio, anche tenendo conto del personale assumibile.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>