Questo articolo è stato letto 6 volte

Il FOIA italiano funziona?

­

di ERNESTO BELISARIO

Siete uomini dell’ombra?”. Questa la domanda secca che la mia vicina di posto sul volo Roma-Parigi mi pose appena incrociai il suo sguardo. Fino a quel momento avevo parlato fitto con un collega del programma della conferenza internazionale a cui stavamo andando. “Allora, siete uomini dell’ombra o no?”, mi ripeté con un marcato accento francese. Le risposi che non capivo. E, a quel punto, mi spiegò che non aveva potuto fare a meno di sentire i nostri discorsi e quindi di aver capito che ci preparavamo ad un incontro in cui si sarebbe parlato di pubblica amministrazione. E che “Gli uomini dell’ombra” è il titolo di una serie TV francese ambientata proprio nei palazzi del potere e che ha come protagonisti politici e i loro consiglieri. Titolo, inequivocabile, sintomo del fatto che – a tutte le latitudini – il potere è percepito come qualcosa di opaco e distante. Del resto, non può essere casuale se nei Paesi anglosassoni uno dei modi con cui viene chiamata la trasparenza amministrativa è proprio “sunlight” (letteralmente “luce del sole”)…

Continua a leggere su: Lemacchinevolanti.it

Fonte: Lemacchinevolanti.it

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>