Questo articolo è stato letto 334 volte

Il demansionamento non giustifica il lavoratore che smette di recarsi al lavoro

Approfondimento di R. Squeglia

lavoro_scrivania

La S.C. torna ad occuparsi di un tema di particolare delicatezza e denso di implicazioni che, dalla gestione del rapporto di lavoro per così dire ordinaria, sconfina sovente nell’esercizio del potere sanzionatorio.
Ci si riferisce a quella particolare modalità di autotutela prevista nel diritto dei contratti ex art. 1460 c.c., pacificamente applicabile al rapporto di lavoro – anche quello alle dipendenze della P.A. – seppur con le cautele che la giurisprudenza ha enucleato nel corso degli anni.
Non è superfluo sottolineare che la tematica, di particolare complessità ove si confronti, come nella fattispecie che occupa, con l’applicazione di una sanzione espulsiva, è non di rado oggetto d’esame da parte della sezione Lavoro della Cassazione.
Invero, nell’ambito di un rapporto giuridico articolato, come il rapporto di lavoro subordinato, nel quale le dinamiche si sovrappongono e sono di complessa ricostruzione, perché  rispondenti a logiche non di rado disomogenee, viene sovente fatto richiamo al principio in parola soprattutto da parte del lavoratore subordinato, non sempre in maniera appropriata, come dimostra l’elevato tasso di litigiosità in subjecta materia.

Continua a leggere l’articolo

Per maggiori approfondimenti in materia di POTERE DISCIPLINARE
consulta il nostro
>> SPECIALE <<

 

NOVITA’ EDITORIALE:
La riforma del pubblico impiego e della valutazione

La riforma del pubblico impiego e della valutazione

Arturo Bianco, Alessandro Boscati, Renato Ruffini , 2017, Maggioli Editore
Costituzione del fondo per la contrattazione decentrata del personale e dei dirigenti, anche alla luce dei tetti e dei tagli dettati dalla normativa; ripartizione delle risorse per la incentivazione del personale, applicazione della produttività e delle altre forme di incentivazione del...

40,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>