Questo articolo è stato letto 0 volte

Il decreto lavoro

il-decreto-lavoro.jpg

di C. Dell’Erba (www.ilpersonale.it 26/8/2013)

Possibilità di sperimentare modifiche alle regole sui tirocini formativi, messa a disposizione di risorse per il ricorso agli stessi da parte delle PA e, soprattutto, messa a disposizione di ulteriori risorse per il pagamento dei debiti contratti dalle amministrazioni pubbliche ed aumento del tetto all’indebitamento per investimenti degli enti locali. A queste modifiche contenute nella legge di conversione si devono aggiungere le importanti disposizioni dettate nel testo originario del decreto, tra cui ricordiamo la riduzione del tempo di sospensione obbligatoria nel caso di successione di contratti a tempo determinato, l’estensione della possibilità di ricorrere ai contratti di lavoro a progetto, lo slittamento dell’aumento della aliquota dell’Iva. Sono queste le principali novità per gli enti locali e le altre Pubbliche Amministrazioni contenute nel decreto legge n. 76, “Primi interventi urgenti per la promozione dell’occupazione, in particolare giovanile, della coesione sociale, nonchè in materia di Imposta sul valore aggiunto (IVA) e altre misure finanziarie urgenti”, per come convertito dalla legge n. 99. Il provvedimento è in vigore dallo scorso 22 agosto, data delle pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>