Questo articolo è stato letto 749 volte

Il cumulo delle risorse destinate alle assunzioni per un arco temporale non superiore a tre anni

i-nuovi-vincoli-assunzionali-negli-enti-locali.jpg

di L. Boiero (www.ilpersonale.it 15/6/2016)

L’art. 3, comma 5, del D.L. 24 giugno 2014, n. 90, nell’originaria formulazione così recitava: “Negli anni 2014 e 2015 le regioni e gli enti locali sottoposti al patto di stabilità interno procedono ad assunzioni di personale a tempo indeterminato nel limite di un contingente di personale complessivamente corrispondente ad una spesa pari al 60 per cento di quella relativa al personale di ruolo cessato nell’anno precedente. Resta fermo quanto disposto dall’articolo 16, comma 9, del decreto legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135. La predetta facoltà ad assumere è fissata nella misura dell’80 per cento negli anni 2016 e 2017 e del 100 per cento a decorrere dall’anno 2018. Restano ferme le disposizioni previste dall’articolo 1, commi 557, 557-bis e 557-ter, della legge 27 dicembre 2006, n. 296. A decorrere dall’anno 2014 è consentito il cumulo delle risorse destinate alle assunzioni per un arco temporale non superiore a tre anni, nel rispetto della programmazione del fabbisogno e di quella finanziaria e contabile”.
L’art. 4, comma 3, del D.L. 19 giugno 2015, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2015, n. 125, ha introdotto, nel corpo del comma 5 dell’art. 3 D.L. 90/2014, dopo le parole “cumulo delle risorse destinate alle assunzioni per un arco temporale non superiore a tre anni, nel rispetto della programmazione del fabbisogno e di quella finanziaria e contabile”, la seguente frase: “è altresì consentito l’utilizzo dei residui ancora disponibili delle quote percentuali delle facoltà assunzionali riferite al triennio precedente”.

Continua a leggere l’articolo

 

Per maggiore approfondimento, segnaliamo:

VIDEOCONFERENZE IN DIRETTA
Il licenziamento disciplinare dei dipendenti pubblici alla luce del Decreto attuativo della riforma Madia
Videoconferenza in diretta a cura dell’Avv. Donato Antonucci
Videoconferenza in Diretta, 30 giugno 2016 – dalle 11.00 alle 12.30

Il VOLUME

come_cambia_la_disciplina_del_lavoro_nella_pa

Come cambia la disciplina del lavoro nella PA

di Riccardo Nobile

E-book a soli 5.90 €

Questo nuovo ebook, integrando ed ampliando gli interventi di approfondimento apparsi in Gazzetta, prende in esame l’articolo 17 della legge 124/2015, evidenziando le principali azioni necessarie per ridefinire la disciplina del lavoro nella PA: superare il concetto di “dotazione organica”, intervenire in materia di assunzioni, potenziare la valutazione del personale, ridefinire il regime delle forme di responsabilità, riservare particolare attenzione alla tutela della disabilità in ambito lavorativo.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>