Questo articolo è stato letto 103 volte

Il Commento – Repêchage, onere della prova e Jobs act

accertamento-dei-fatti-da-parte-del-giudice-civile-ed-indici-rivelatori-della-sussistenza-della-giusta-causa-di-licenziamento-nella-giurisprudenza-di-legittimita.jpeg

di G. Crepaldi (www.ilpersonale.it 25/5/2016)

Il repêchage, letteralmente ripescaggio, è la possibilità di una diversa utilizzazione in mansioni diverse del lavoratore licenziato. Tale istituto si è affermato nella giurisprudenza del lavoro in relazione al licenziamento per giustificato motivo oggettivo ovvero per ragioni inerenti all’attività produttiva, all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa disciplinato dall’art. 3 della legge 15 luglio 1966 n. 604.

Per opera della giurisprudenza, è stato esteso anche al caso di licenziamento per situazioni riferibili al lavoratore, ma a lui non addebitabili in termini di inadempimento come quelle riferibili alla sopravvenuta inidoneità fisica all’esercizio delle mansioni contrattuali (Cass., sez. lav., 6 novembre 1996 n. 9684. Cass., sez. un., 7 agosto 1998 n. 7755).

E’ chiaro che alla base di tale orientamento vi è la considerazione che il licenziamento costituisce l’estrema ratio da valutarsi solo come ultima soluzione possibile dopo aver contemperato gli interessi del datore di lavoro con quelli del lavoratore, in un quadro di rapporti gestiti secondo buona fede e solidarietà. Tale ratio è la medesima posta alla base dell’originario art. 18 dello Statuto dei Lavoratori, che considerava la stabilità del posto di lavoro un diritto da tutelare in via prioritaria rispetto alle esigenze dell’iniziativa economica del datore di lavoro.

Continua a leggere l’articolo

Vedi anche la sentenza della Corte di Cassazione n. 5592/2016 massimata 

 

Ti suggeriamo:

come_cambia_la_disciplina_del_lavoro_nella_pa

Come cambia la disciplina del lavoro nella PA

di Riccardo Nobile

E-book a soli 5.90 €

Questo nuovo ebook, integrando ed ampliando gli interventi di approfondimento apparsi in Gazzetta, prende in esame l’articolo 17 della legge 124/2015, evidenziando le principali azioni necessarie per ridefinire la disciplina del lavoro nella PA: superare il concetto di “dotazione organica”, intervenire in materia di assunzioni, potenziare la valutazione del personale, ridefinire il regime delle forme di responsabilità, riservare particolare attenzione alla tutela della disabilità in ambito lavorativo.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>