Questo articolo è stato letto 2 volte

Il Commento – Le Corte dei Conti sulle assunzioni di personale a tempo indeterminato

di C. Dell’Erba (www.ilpersonale.it 2/11/2015)

I risparmi derivanti dalle cessazioni di dipendenti delle cd categorie protette non possono essere destinati al finanziamento di assunzioni di esternalizzare la responsabilità della direzione di un ufficio; neppure gli enti dissestati possono effettuare nuove assunzioni di dipendenti se non hanno rispettato il tetto dei pagamenti nell’anno 2014 di cui al d.l. n. 66/2014. Sono questi alcuni tra gli ultimi chiarimenti forniti dalle sezioni regionali di controllo della Corte dei Conti su aspetti specifici delle assunzioni a tempo indeterminato di personale.

I RISPARMI PER LE CESSAZIONI DELLE CATEGORIE PROTETTE
I risparmi derivanti dalle cessazioni del personale delle categorie protette che non inclusi nelle quote d’obbligo non possono comunque essere utilizzati per finanziare nuove assunzioni di personale. È questa la indicazione di maggiore rilievo contenuta nel parere della sezione regionale di controllo della Corte dei Conti della Puglia n. 200 del 24 settembre.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>