Questo articolo è stato letto 381 volte

Il Commento – La natura giuridica dell’Ufficio Procedimenti Disciplinari

licenziamento-per-scarso-rendimento-nel-comparto-regioni-ed-autonomie-locali.jpeg

di L. Boiero (www.ilpersonale.it 26/5/2016)

Il D.Lgs. n. 150/2009, al fine di migliorare la  l’efficienza e la produttività del lavoro pubblico,  ha modificato il D. Lgs. n. 165/2001, introducendo, tra l’altro, un nuovo quadro normativo di riferimento per le Pubbliche Amministrazioni in materia di procedimenti disciplinari.
Per le infrazioni di minore gravità, per le quali è prevista l’irrogazione di sanzioni superiori al rimprovero verbale ed inferiori alla sospensione dal servizio con privazione della retribuzione per più di dieci giorni, il procedimento disciplinare, se il responsabile della struttura ha qualifica dirigenziale, si svolge nel modo che segue.  Il  dirigente della struttura in cui il dipendente lavora,  quando ha notizia di comportamenti punibili con taluna delle sanzioni disciplinari di cui sopra, senza indugio e comunque non oltre venti giorni contesta per iscritto l’addebito al dipendente medesimo e lo convoca per il contraddittorio a sua difesa, con l’eventuale assistenza di un procuratore ovvero di un rappresentante dell’associazione sindacale cui il lavoratore aderisce o conferisce mandato, con un preavviso di almeno dieci giorni…

Continua a leggere l’articolo

Per maggiore approfondimento, segnaliamo:

VIDEOCONFERENZE IN DIRETTA
Il licenziamento disciplinare dei dipendenti pubblici alla luce del Decreto attuativo della riforma Madia
Videoconferenza in diretta a cura dell’Avv. Donato Antonucci
Videoconferenza in Diretta, 30 giugno 2016 – dalle 11.00 alle 12.30

Il VOLUME

come_cambia_la_disciplina_del_lavoro_nella_pa

Come cambia la disciplina del lavoro nella PA

di Riccardo Nobile

E-book a soli 5.90 €

Questo nuovo ebook, integrando ed ampliando gli interventi di approfondimento apparsi in Gazzetta, prende in esame l’articolo 17 della legge 124/2015, evidenziando le principali azioni necessarie per ridefinire la disciplina del lavoro nella PA: superare il concetto di “dotazione organica”, intervenire in materia di assunzioni, potenziare la valutazione del personale, ridefinire il regime delle forme di responsabilità, riservare particolare attenzione alla tutela della disabilità in ambito lavorativo.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>