Questo articolo è stato letto 10 volte

Il Commento – Jobs act e limiti temporali del contratto a tempo determinato nell’impiego pubblico

il-commento-jobs-act-e-limiti-temporali-del-contratto-a-tempo-determinato-nellimpiego-pubblico.jpeg

di G. Crepaldi (www.ilpersonale.it 23/9/2015)

La fisionomia delle forme flessibili di lavoro presso le pubbliche amministrazioni è stata incisa dal recente d.lgs. 15 giugno 2015, n. 81, emanato in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183, meglio noto come Jobs Act.
Si tratta di una modifica che si pone nel solco di un trend di modifiche che nell’ultimo decennio si sono susseguite: basti verificare le novelle subite dall’art. 36 del d.lgs. 30 marzo 2001, n. 165, Testo unico del pubblico impiego.
Le modifiche sono andate in direzioni differenti a seconda del favore o dello sfavore con cui, in modo altalenante, il legislatore ha guardato alle forme flessibili di lavoro: favore per la capacità di consentire alle amministrazioni pubbliche una gestione più dinamica, per progetti anche in via sperimentale; sfavore come causa di precariato e di allargamento della spesa pubblica.

Continua a leggere l’articolo

 

Costruire una città intelligente

La giustificazione 
delle assenze dopo il Jobs Act

Guida rapida con casi pratici per gli Enti locali
– Congedo ordinario 
– Permessi retribuiti
– Permessi brevi
– Riposi compensativi
– Recupero straordinario e banca delle ore
– Malattia
– Congedo di maternità e di paternità
– Permessi e agevolazioni per l’assistenza ai portatori di handicap
– Aspettativa per motivi personali
– Diritto allo studio
– Permessi sindacali

Area dirigenti

II edizione aggiornata con:
– D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 80

» Acquista Subito

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>