Questo articolo è stato letto 385 volte

Il Commento – Il monitoraggio del lavoro flessibile

il-commento-il-monitoraggio-del-lavoro-flessibile.jpg

di V. Giannotti (www.ilpersonale.it 15/3/2016)

Le disposizioni legislative riguardanti i rapporti di lavoro flessibile sono state da sempre sotto monitoraggio da parte del legislatore, tanto che al fine di eliminare i problemi del precariato, le disposizioni del Testo Unico del Pubblico Impiego (d.lgs. n. 165/2001) sono state modificate dal d.l. n.101/2013 che hanno inciso in alcune parti dell’art.36 rubricato “utilizzo dei contratti di lavoro flessibile”. I principi fondamentali sono attualmente i seguenti:

  • le pubbliche amministrazioni assumono esclusivamente con contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato;
  • Per rispondere ad esigenze di carattere esclusivamente temporaneo o eccezionale le amministrazioni pubbliche possono avvalersi delle forme contrattuali flessibili, di assunzione e di impiego del personale previste dal codice civile e dalle leggi sui rapporti di lavoro subordinato nell’impresa (rectius d.lgs. n.368/2001);
  • Per prevenire fenomeni di precariato, le amministrazioni pubbliche, sottoscrivono contratti a tempo determinato con i vincitori e gli idonei delle proprie graduatorie vigenti per concorsi pubblici a tempo indeterminato.

In merito alla durata dei contratti a tempo determinato il d.lgs. n. 368/2001, applicabile al pubblico impiego in forza del citato rinvio operato dall’art. 36 del d.lgs. n. 165/2001, dispone che il contratto di lavoro a tempo determinato può essere prorogato solo quando la durata iniziale sia inferiore a tre anni. La proroga è ammessa una sola volta, a condizione che sia richiesta da ragioni oggettive e si riferisca alla stessa attività lavorativa per la quale il contratto è stato stipulato a tempo determinato. In ogni caso, la durata complessiva del rapporto a termine non può essere superiore a tre anni. Sulla possibilità di prorogare per una sola volta il limite dei 36 mesi, il citato d.l. n.101/2013, prevede una c.d. proroga finalizzata, mentre l’art.5, comma 4-bis del d.lgs.n. 368/2001, prevede una c.d. proroga ordinaria, entrambe qui di seguito analizzate.

Continua a leggere l’articolo

L'impiegato del Comune L’impiegato del Comune

Manuale per la preparazione ai concorsi di categoria C e D negli Enti locali

Il volume espone in maniera chiara, esauriente ed approfondita tutto ciò che può essere materia d’esame nei concorsi presso gli Enti locali. 

 

» Acquista Subito

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>