Questo articolo è stato letto 291 volte

Gli incarichi di consulenza non possono essere affidati direttamente o in via fiduciaria – Il Commento di S. Usai

consulenze_ufficio_appalti_progetto

di S. Usai (La Gazzetta degli Enti Locali 29/7/2016)

La recente deliberazione della sezione della Corte dei Conti della regione Emilia Romagna n. 65/2016 – depositata il 30 giugno scorso – risulta di particolare interesse per alcune considerazioni svolte dall’attento estensore in tema di disciplina del conferimento delle consulenze esterne (1) che, come noto, al di là dell’esigua disciplina normativa esige una definizione del procedimento di assegnazione nell’ambito del regolamento sull’ordinamento degli uffici e  dei servizi.
L’estratto del regolamento, proprio relativo a tale disciplina, come noto deve essere trasmesso alla sezione regionale  entro 30 giorni proprio – ai sensi dell’articolo 3, comma 57 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 -, perché si esprima in merito alla relativa congruità.
Alcune considerazioni, come si diceva appaiono utili ed attualissime mentre altre – in tema di incarichi legali – sono evidentemente destinate ad essere superate considerato che l’incarico in parola oggi con il nuovo codice degli appalti (art. 17 del decreto legislativo 50/2016) costituisce a tutti gli effetti un appalto (pur escluso dall’applicazione integrale del codice).

Le esclusioni previste nel regolamento e ritenute irrituali
Come si evidenziava, l’utilità della deliberazione è data dal fatto che in molti casi nei regolamenti in argomento risultano effettivamente riportati dei riferimenti scorretti che portano, ovviamente, ad una pratica operativa contra legem.

Continua a leggere l’articolo

 

Novità editoriale:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

 

 

 

 

CORSO audio video online a cura dell’Avv. Donato Antonucci

Il licenziamento disciplinare dei dipendenti pubblici alla luce del Decreto attuativo della riforma Madia

>> CLICCA QUI per consultare il PROGRAMMA <<

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>