Questo articolo è stato letto 164 volte

Gestione del personale: le recenti indicazioni della Corte dei conti (I Parte)

Approfondimento di Carlo Dell'Erba

Gestione del personale: le recenti indicazioni della Corte dei conti

Il costo delle assunzioni di personale da parte delle società controllate non entra nelle capacità assunzionali dei Comuni; le amministrazioni che stabilizzano precari utilizzando le risorse destinate mediamente nel triennio 2015/2017 al finanziamento delle assunzioni flessibili devono comunque dare corso previamente alla comunicazione di cui all’articolo 34 bis del d.lgs. n. 165/2001 per la eventuale assegnazione di personale pubblico in disponibilità; nell’affidamento degli incarichi di rappresentanza in giudizio gli enti devono utilizzare metodi selettivi ad evidenza pubblica ed è necessario che diano corso alla istituzione di albi da cui attingere applicano il principio della rotazione. La sezione autonomie della Corte dei conti è stata chiamata a decidere se le risorse derivanti dai proventi delle sanzioni per l’inosservanza del codice della strada possono essere destinati anche al fondo per il lavoro straordinario o vanno solamente nel fondo per il salario accessorio, se tali risorse vanno in deroga al tetto del fondo e se le risorse per il lavoro straordinario possono essere incrementate in modo da fronteggiare i costi aggiuntivi derivanti dagli aumenti disposti dai contratti nazionali per questo compenso. Sono queste alcune delle più importanti indicazioni che sono fornite da recenti deliberazioni delle sezioni regionali di controllo della Corte dei conti.

La spesa del personale nelle società controllate

I costi derivanti dalle assunzioni di personale da parte di una società controllata non riducono le capacità assunzionali delle amministrazioni: è questa la chiara indicazione contenuta nel parere della sezione regionale di controllo della Corte dei conti della Lombardia n. 302/2018.
All’articolo 19 del d.lgs. n. 175/2016 leggiamo che ”le amministrazioni pubbliche socie fissano, con propri provvedimenti, obiettivi specifici, annuali e pluriennali, sul complesso delle spese di funzionamento…

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE QUI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>