Questo articolo è stato letto 48 volte

Furbetti del cartellino: c’è più tempo per la denuncia

Tempi leggermente più lunghi per la denuncia dei furbetti del cartellino alla procura della Repubblica e alla Corte dei conti per danno di immagine (e connessa estensione dei termini per l’azione giudiziale), nonché obblighi informativi all’ispettorato della Funzione pubblica sui procedimenti attivati e conclusi.
Il preconsiglio dei ministri ha esaminato ieri, in vista della riunione del consiglio, le correzioni al dlgs 116/2016, la disposizione attuativa della legge 124/2015 introdotta poco dopo i fatti del comune di San Remo, per emendarla dai vizi di legittimità costituzionale derivanti dalla mancata intesa con le regioni, accertati dalla sentenza 251/2016 della Corte costituzionale, che, come si ricorda, ha causato lo stop alla riforma della dirigenza.
La norma anti furbetti del cartellino non viene troppo modificata. Restano confermati tutti i tempi particolarmente «sincopati» previsti per l’avvio e la conclusione del procedimento disciplinare che scaturisce se si colgono in flagrante i dipendenti pubblici infedeli, che attestano falsamente la propria presenza in servizio mentre sono in tutt’altre faccende affaccendati.

Continua a leggere la notizia su ItaliaOggi

Fonte: ItaliaOggi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>