Questo articolo è stato letto 77 volte

Furbetti del cartellino: anche senza decreto sull’assenteismo sono legittimi licenziamento e condanna per truffa

Approfondimento di D. Antonucci

furbetti_cartellino

Con due pronunce depositate a pochi giorni di distanza l’una dall’altra, la Sezione lavoro della Cassazione ha ridimensionato la portata innovativa del decreto sui furbetti del cartellino (D.Lgs. n.116/2016), chiarendo cosa debba intendersi per “falsa attestazione” della presenza in servizio già sulla base delle modifiche introdotte dal D.Lgs. n.150/2009.
Si tratta delle sentenze n. 25750 del 14 dicembre e n. 24574 del 1° dicembre, relative ad analoghi giudizi discussi nella stessa camera di consiglio dell’11.10.2016 (Rel. Torrice).

I casi

In entrambi i casi esaminati, i pubblici dipendenti erano stati licenziati per essersi assentati dall’ufficio senza timbrare il cartellino ed avevano contestato la sanzione disciplinare irrogatagli affermando di essersi solo limitati ad allontanarsi dal posto di lavoro, senza però alterare o manomettere il sistema di rilevamento delle presenze. Per tale ragione la condotta contestatagli non poteva essere ricondotta alla fattispecie di cui all’art. 55-quater, co. 1, lett. a), del D.Lgs. n.165/2001.

Decisione della Corte

La Suprema Corte è stata però di diverso avviso, ricordando come questa disposizione (nel testo applicabile ratione temporis alla vicenda dedotta in giudizio, realizzatasi prima delle modifiche introdotte dall’art. 3, co. 1, del D.Lgs. n.116/2016) sanziona con il licenziamento non solo la falsa attestazione della presenza in servizio attuata mediante un’alterazione dei sistemi di rilevamento della presenza, ma anche quella effettuata con “altre modalità fraudolente”, la cui concreta individuazione e qualificazione rientra nella funzione interpretativa del Giudice ed in quella nomofilattica della Corte.
In tal senso le due sentenze affermano che la registrazione effettuata attraverso l’utilizzo del sistema di rilevazione della presenza sul luogo di lavoro può ritenersi corretta e non falsa, soltanto se nell’intervallo compreso tra le timbrature in entrata ed in uscita il lavoratore sia effettivamente presente in ufficio. Viceversa, la registrazione deve ritenersi falsa e fraudolentemente attestata, qualora sia diretta a far risultare, in contrasto con il vero, che il lavoratore sia effettivamente presente in ufficio nell’arco temporale che va dal momento della timbratura in entrata sino a quella in uscita.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>