Questo articolo è stato letto 0 volte

Fp CGIL a Madia: scambio tra Irpef e contratto è una beffa

fp-cgil-a-madia-scambio-tra-irpef-e-contratto-e-una-beffa.jpg

Rossana Dettori, segretaria generale della Fp Cgil, commenta le dichiarazioni rilasciate dalla ministra della Funzione pubblica Marianna Madia, in sede di audizione alla Camera: “Non bastano le buone intenzioni della ministra, in alcuni casi condivisibili. Sullo sblocco del turn over per il personale delle pubbliche amministrazioni e sulla staffetta generazione ci siamo da subito detti disponibili al confronto. Ma servono proposte chiare e misurabili sul piano della concretezza”.

“Dissentiamo totalmente con la ministra – continua la sindacalista – quando invece sostiene che ridurre l’Irpef per un valore di 80 euro in busta paga equivarrebbe a rinnovare i contratti nel pubblico impiego, bloccati da un lustro con una perdita media mensile di 250 euro per lavoratore, e che comunque questo rinnovo non sarebbe possibile altrimenti. Rifiutiamo questa impostazione perché il contratto non serve solo a riconoscere aumenti salariali, ma soprattutto a governare i processi di riforma, a riorganizzare i servizi e a investire in formazione. Non è uno scambio alla pari, perché non colma le perdite passate e ne causa di future, ben più ingenti degli 80 euro promessi. Sacrosanti e necessari in questa fase, purché non si utilizzino come un diversivo per beffare ulteriormente i lavoratori”.

Dettori conclude dicendo come “non capiamo davvero quale sia il confine tra i nobili propositi della ministra, le necessità comunicative, e la sostanza. Di certo, esclusa la notizia della mancata volontà di rinnovare i contratti dei lavoratori delle pubbliche amministrazioni non ha detto nulla di nuovo”.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>