Questo articolo è stato letto 0 volte

Fondazioni Studi dei Consulenti del Lavoro: circolare sui controlli a distanza dei lavoratori

fondazioni-studi-dei-consulenti-del-lavoro-circolare-sui-controlli-a-distanza-dei-lavoratori.jpg

Con la riforma dei controlli a distanza sarà possibile in azienda installare apparecchiature in grado di controllare i dipendenti? Oggi, come ieri, continua ad essere vietato e restano in vigore le specifiche procedure, legate ad accordi sindacali o autorizzazioni del Ministero, affinché possano essere installate apparecchiature “per esigenze organizzative e produttive, per la sicurezza del lavoro e per la tutela del patrimonio aziendale” dalle quali derivi altresì la possibilità di un controllo a distanza.

L’unica deroga è riferita agli strumenti utilizzati dal lavoratore per rendere la prestazione lavorativa (tipo telefonini e computer aziendali) e agli strumenti di registrazione degli accessi e delle presenze. Il dibattito intorno al nuovo impianto normativo voluto dalla Legge delega lavoro – che recentemente ha trovato tutte le specifiche nel Decreto Legislativo n. 151 del 14 settembre 2015 – negli ultimi mesi ha creato molte attese e preoccupazioni da parte di datori e lavoratori.

Con la circolare n.20/2015 la Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro fornisce tutti i chiarimenti necessari.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>