Questo articolo è stato letto 279 volte

Dirigenti a contratto: la legittimità della scelta della PA di attingere senza il rispetto dell’ordine della graduatoria vigente

Approfondimento di Vincenzo Giannotti

La scadenza del termine per l’invio delle domande di concorso in forma telematica

A seguito di un concorso pubblico per la copertura di un posto di dirigente a tempo indeterminato, il posto lasciato vacante dal vincitore del concorso non veniva coperto dal secondo in graduatoria, per scelta dell’Ente di procedere all’assunzione a tempo determinato, attingendo in via fiduciaria il terzo della graduatoria. Secondo il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (sentenza 16 aprile 2019, n. 295) il ricorso intentato dal secondo in graduatoria per vedersi attribuito il posto a tempo indeterminato è stato respinto, in quanto l’eventuale scorrimento della graduatoria è scelta discrezionale dell’Ente la quale ha, inoltre, adeguatamente motivato la scelta sulla base di un contenzioso ancora in essere sulla graduatoria a tempo indeterminato.

La vicenda

Il sindaco decideva di ricorrere al contratto a tempo determinato, attingendo dalla graduatoria a tempo indeterminato, a seguito della vacanza del posto da parte del vincitore del concorso. L’incarico veniva disposto in via fiduciaria, ai sensi dell’art. 110 comma 1, del TUEL, mediante stipula del contratto con il terzo classificato. Il dipendente, funzionario dell’Ente, classificatosi al secondo posto della graduatoria, ha impugnato la scelta dell’ente di affidamento del citato incarico. Il ricorrente censura il comportamento dell’Ente di ricoprire il posto in argomento, lasciato vacante dal vincitore del concorso, in quanto l’ente anziché determinarsi mediante scorrimento della graduatoria vigente ha preferito conferire l’incarico a tempo determinato al terzo idoneo della citata graduatoria. Espone, inoltre, il ricorrente che l’ente, nonostante l’impugnazione della scelta irrazionale effettuata, ha continuato, mediante successivi decreti sindacali, mediante proroga del medesimo contratto a tempo determinato sempre in via fiduciaria. In considerazione di tale scelta, il ricorrente ha richiesto oltre all’assunzione a tempo indeterminato anche il risarcimento del danno patito a causa della scelta illegittima dell’Ente.

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE QUI.

Pacchetto su criteri e graduazione delle posizioni organizzative secondo il CCNL 21 MAGGIO 2018

Pacchetto su criteri e graduazione delle posizioni organizzative secondo il CCNL 21 MAGGIO 2018

Vincenzo Giannotti, 2019, Maggioli Editore
Molti enti sono ancora in attesa di definire le nuove regole per la formalizzazione degli incarichi di posizione organizzativa che scadranno inesorabilmente il 20 maggio 2019, altri sono desiderosi di poter utilizzare sistemi più semplici o di verificare condizioni diverse da quelle approvate...

59,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>