Questo articolo è stato letto 388 volte

Deve giustificare l’assenza il dipendente che non presta la propria attività lavorativa nel giorno del patrono?

assenze

Orientamento Applicativo Aran del 14/07/2016, RAL 1852

DOMANDA:

Un ente, per soddisfare specifiche esigenze organizzative, ha deciso di mantenere aperto nella giornata del santo patrono, ricadente nella giornata del sabato, sino alle ore 14,00 un proprio ufficio, che ha un orario di servizio ordinariamente articolato su sei giorni lavorativi settimanali, dal lunedì al sabato. Se un dipendente del suddetto ufficio decidesse di non prestare la propria attività lavorativa nel giorno della festività del santo patrono, è tenuto a giustificare tale assenza?

RISPOSTA:

In ordine alla specifica fattispecie prospettata, si ritiene utile evidenziare quanto segue:

a) ad avviso della scrivente Agenzia, come già evidenziato in precedenti orientamenti applicativi, la giornata del santo patrono deve considerarsi giorno festivo infrasettimanale;

b) pertanto, nel caso di attività lavorativa resa dal dipendente nel giorno del Santo Patrono troverà applicazione la disciplina dell’art.24, comma 2, del CCNL del 14.9.2000;

c) tale clausola contrattuale, infatti, prende in considerazione proprio la specifica ipotesi del lavoratore, non inserito in turni di lavoro, che, eccezionalmente, al di là dell’orario ordinario di lavoro, è chiamato a rendere la sua prestazione in una giornata festiva infrasettimanale;

d) in applicazione del richiamato art.24, comma 2, del CCNL del 14.9.2000, pertanto, la richiesta prestazione lavorativa, motivata da particolari esigenze di servizio nel giorno festivo infrasettimanale non può che ritenersi contrattualmente dovuta;

e) conseguentemente, si ritiene che il dipendente, in presenza di una specifica richiesta in tal senso legittimamente formulata dell’ente, nell’ambito dei poteri direttivi allo stesso spettante nella sua veste di datore di lavoro, nel rispetto delle usuali regole di correttezza e buona fede, non potrebbe rifiutarsi di rendere la propria prestazione lavorativa proprio in quanto contrattualmente dovuta;

f) ogni eventuale assenza del dipendente interessato in quella giornata, quindi, dovrà essere necessariamente ricondotta ad una delle diverse tipologie previste dalla legge o dalla contrattazione collettiva (malattia, ferie, permesso, ecc.), nel rispetto comunque dei limiti, delle modalità e delle formalità per esse stabilite.

Novità editoriale:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

 

 

 

 

CORSO audio video online a cura dell’Avv. Donato Antonucci

Il licenziamento disciplinare dei dipendenti pubblici alla luce del Decreto attuativo della riforma Madia

>> CLICCA QUI per consultare il PROGRAMMA <<

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>