Questo articolo è stato letto 100 volte

Decaro: sblocco totale del turn over per i piccoli Comuni

turnover

Con comunicato del 4 dicembre 2017 l’ANCI rende noto che, Antonio Decaro, ha affermato che “Per rendere ancora più efficace il Rei, chiediamo al governo di portare al 100 per cento il turn over del personale nei piccoli Comuni e di poter utilizzare parte dei fondi messi a disposizione dei municipi per promuovere tirocini formativi e politiche attive del lavoro”.

Siamo convinti che sia opportuno combattere le situazioni di disagio economico e sociale, oltre che con l’erogazione di risorse per le famiglie, anche dando opportunità di formazione e lavoro ai componenti dei nuclei familiari, per affrancarli dalla propria condizione di svantaggio. È nostro dovere compiacerci con chi arriva primo, ma non dobbiamo mai perdere di vista coloro che restano indietro. Un’altra cosa è importante. Il Rei ha il pregio di far emergere una domanda sociale inespressa. Sarà un bene ma i Comuni dovranno farsene carico e questo comporterà un aggravio di lavoro: servono risorse e anche personale. Chiediamo al governo di inserire nella legge di bilancio lo sblocco totale del turn over, al momento al 75 per cento, nei Comuni con meno di cinquemila abitanti”.

Decaro ha portato ad esempio gli esperimenti in tema di reinserimento e accompagnamento al lavoro, condotti in alcuni Comuni.
Noi sindaci vogliamo contribuire attivamente a scrivere l’agenda nazionale del Paese, non solo sui temi della finanza locale. In questo senso, il nostro impegno sul sociale è stato e resta massimo: i cittadini si rivolgono direttamente ai sindaci per tutte le istanze di welfare. Non è dunque un caso se proprio sul reddito di inclusione Comuni e Regioni abbiano già avviato esperienze positive prima del varo della legge nazionale: mi riferisco a Livorno, Ragusa, Napoli, la stessa Bari, l’Emilia-Romagna, la Puglia, il Friuli. Non avremmo potuto fare diversamente. Negli anni della crisi, la platea di cittadini al di sotto della soglia di povertà passava dal milione e ottocentomila persone del 2007 ai 4,7 milioni del 2016 e i Comuni subivano tagli per una cifra complessiva di 9 miliardi. Eppure, noi sindaci abbiamo salvaguardato la spesa per il sociale. Adesso che la stagione dei tagli è terminata è il momento di invertire la rotta, e per questo chiediamo ulteriore sostegno da parte del governo: passiamo dal semplice sussidio alla ‘smonetarizzazione’ dei servizi sociali, puntando all’accompagnamento al lavoro”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>