Questo articolo è stato letto 371 volte

DDL Concretezza: via libera definitivo del Senato

Ok definitivo al DDL Concretezza

Il Senato ha approvato definitivamente nella mattinata di ieri il ddl n. 920-B, recante “Interventi per la concretezza delle azioni delle pubbliche amministrazioni e la prevenzione dell’assenteismo”, collegato alla manovra di finanza pubblica: si tratta dell’attesissimo DDL Concretezza.

Le misure contenute nel DDL Concretezza

L’art. 1 istituisce il Nucleo di azioni concrete per l’efficienza delle amministrazioni, l’art. 2 contiene misure per contrastare l’assenteismo, l’art. 3 prevede misure per accelerare le assunzioni mirate e il ricambio generazionale.
La relatrice, sen. Nisini (L-SP), ha riferito sulle modifiche della Camera che, all’art. 1, ha introdotto le azioni dirette a garantire trasparenza e digitalizzazione nel Piano triennale delle azioni concrete per l’efficienza; si prevede inoltre la comunicazione entro 15 giorni dell’attuazione delle misure da parte delle amministrazioni e la trasmissione della relazione annuale al Parlamento. All’art.2 i controlli d’accesso sono estesi ai dirigenti scolastici. La Camera ha soppresso l’art. 3 (adeguamento dei fondi destinati al trattamento del personale) e la clausola d’invarianza finanziaria, ha modificato all’art. 3 le procedure concorsuali e all’art. 5 le norme sui buoni pasto, ha introdotto l’art.4 che riguarda la mobilità tra il settore pubblico e privato.

L’approvazione definitiva in Senato

Dopo la relazione di minoranza della sen. Parente (PD), che ha criticato l’estensione delle norme di sorveglianza alle istituzioni scolastiche, l’Assemblea ha respinto la pregiudiziale avanzata dal sen. Laus (PD), ed è iniziata la discussione generale.
Hanno preso la parola i sen. Fiammetta Modena, Toffanin, Maria Tiraboschi, Alessandra Gallone (FI), Iannone (FdI), Laus (PD), Angela Piarulli (M5S). In replica la relatrice di maggioranza ha ribadito che le verifiche biometriche servono ai dirigenti scolastici per controllare le presenze dei dipendenti; ha sottolineato inoltre che il Nucleo per la concretezza è un supporto per le amministrazioni in difficoltà, non una duplicazione dell’ispettorato del lavoro. La relatrice di minoranza ha ribadito che la stratificazione delle norme non agevola l’efficienza dell’amministrazione.

>> CONSULTA GLI ATTI PARLAMENTARI.

>> VAI AL FOCUS DEDICATO AL DDL CONCRETEZZA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>