Questo articolo è stato letto 196 volte

Cruscotto infortuni: aggiornamento e fruizione del servizio

infortunio_lavoro

Mediante la circolare 2 settembre 2016, n. 31, l’INAIL informa che le informazioni contenute nel c.d. “Cruscotto infortuni” sono ora accessibili a datori di lavoro, soggetti delegati e loro intermediari ex art. 1, l. 12/1979, in relazione agli eventi infortunistici dagli stessi denunciati a decorrere dal 23 dicembre 2015.
Il Cruscotto, si rammenta, è stato istituito a seguito dell’abolizione del Registro infortuni (art. 21, co. 4, d.lgs. 151/2015) al fine di offrire agli organi di vigilanza uno strumento alternativo che fornisse i dati e le informazioni utili a orientare l’azione ispettiva.
Così si apre la circolare INAIL: “In una logica di semplificazione degli adempimenti complessivi a carico del datore di lavoro, il decreto legislativo n. 151/2015 all’articolo 21, comma 4, ha abolito l’obbligo della tenuta del Registro infortuni nonché l’applicazione delle relative disposizioni sanzionatorie, a decorrere dal novantesimo giorno successivo all’entrata in vigore del decreto stesso. Con la semplificazione prevista dalla norma, è stata pertanto anticipata la soppressione dell’obbligo di tenuta del Registro infortuni – già stabilita dall’articolo 53, comma 6 del d.lgs. n. 81/2008 e successive modificazioni – originariamente connessa all’emanazione del nuovo decreto interministeriale di cui all’articolo 8, comma 4, del richiamato d.lgs. n. 81/2008, istitutivo del Sistema informativo nazionale per la prevenzione nei luoghi di lavoro (SINP)”.
Il Cruscotto infortuni è accessibile nell’area dei servizi online del sito www.inail.it (macro area del menu “Denuncia d’infortunio e malattia” del portale) tramite l’inserimento delle credenziali già in possesso dei predetti soggetti per l’accesso al servizio della denuncia di infortunio in modalità telematica. È prevista la consultazione in relazione a:
– unità produttiva di un’azienda in caso di datori di lavoro in gestione ordinaria e Pubbliche Amministrazioni titolari di specifico rapporto assicurativo;
– struttura dell’amministrazione statale in caso di datori di lavoro in gestione per conto dello Stato;
– località per il settore Agricoltura.

Leggi la CIRCOLARE INAIL del 2 settembre 2016, n. 31

 

Novità editoriale:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>