Questo articolo è stato letto 2 volte

Covip: Cgil, proposte nomine lontane dal cambiamento

covip-cgil-proposte-nomine-lontane-dal-cambiamento.gif

“Le proposte per Covip annunciate oggi dal governo corrispondono a un’appropriazione da parte dell’alta burocrazia pubblica di un organismo che per sua ragione e natura ha funzione di regola e vigilanza sui fondi pensione, ovvero sul risparmio previdenziale dei lavoratori”. Comincia così il duro comunicato emesso nel tardo pomeriggio di oggi dalla Cgil sui nomi fatti dall’esecutivo in merito ai vertici di Covip.

“Quello che per definizione dovrebbe essere ente terzo – osserva Corso d’Italia –, anche propositore e controllore della legislazione in materia, viene con queste proposte occupato da coloro che dovrebbero essere i controllati, la Ragioneria dello Stato da un lato, il ministero del Welfare, ovvero del Lavoro e della Previdenza, dall’altro”.

“Da tempo i governi praticano la sottrazione di risorse al sistema previdenziale pubblico, da tempo utilizzano il metodo del prelievo delle risorse del lavoro (fondi interprofessionali, fondo produttività). Ci si vuol appropriare anche del risparmio previdenziale? Spiace poi notare che, mentre quotidianamente si tagliano risorse ai lavoratori pubblici, si garantisce ad altri funzionari, alla vigilia del pensionamento, ulteriori quattro anni di incarico ben retribuito: dev’essere la nuova interpretazione della spending review”.

“Se questi sono i criteri che guidano le nomine del governo, molte avverranno nei prossimi mesi – conclude la Cgil – siamo ben lontani dal cambiamento tanto invocato”.

(FONTE: www.rassegna.it)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>