Questo articolo è stato letto 0 volte

Corruzione, anonimato garantito al dipendente-spia

L’un contro l’altro armati, ma con un obiettivo comune: non arretrare (o avanzare, secondo i punti di vista) rispetto alla mediazione-Severino.
Così si presenta la «strana» maggioranza alla vigilia del voto in aula sul ddl anticorruzione: il Pd presenta emendamenti per aumentare le pene e la prescrizione, il Pdl per diminuirle e cancellare alcuni reati, come il traffico di influenze illecite e la (ex) concussione per induzione (o per restringerne il campo).
Il Pd accusa il Pdl di «non perdere il vizio di norme ad personam» a causa dell’emendamento-Sisto sulla concussione “patrimoniale” e delle sue ricadute sul processo-Ruby; il Pdl accusa il Pd di «incoerenza» perché si è rimangiato un emendamento «soppressivo» della concussione che era «in linea con le esigenze europee».
L’opposizione, con Federico Palomba (Idv), dice che l’emendamento-Sisto è «indecente» ma «strumentale» perché mira a «deviare l’attenzione dell’opinione pubblica dal vero obiettivo: alzare una cortina fumogena sulla scomparsa della concussione per induzione e sulla sua trasformazione in un reato meno grave che porterà all’estinzione molti processi, compresi quelli a carico di imputati eccellenti dei partiti di governo (Berlusconi, Penati ecc.
– ndr).
Aspettiamo ancora una risposta del ministro Severino».
Da oggi l’aula della Camera comincia a votare: i primi 12 articoli riguardano la – non meno importante – prevenzione della corruzione e (articolo 12) il delicato tema del rientro in servizio dei magistrati “fuori ruolo”, su cui l’Udc propone di correggere l’emendamento Giachetti (Pd) passato in commissione, così da escludere le toghe in servizio presso il Quirinale, il Csm e la Consulta dai vincoli sul doppio mandato.
La vera novità di ieri sono stati gli 8 emendamenti del governo, più volte annunciati dal ministro della Pubblica amministrazione Filippo Patroni Griffi per rafforzare la prevenzione.
Tra questi, quello sulla garanzia di anonimato riconosciuta al dipendente pubblico che segnalerà gli illeciti consumati nella Pa (sempre che sia in grado di fornire una prova inconfutabile).
Patroni Griffi propone poi varie deleghe al governo, per esempio sui criteri di incompatibilità di dirigenti e dipendenti con altri incarichi e sul codice di comportamento dei dipendenti.
Prevede che i bilanci delle diverse istituzioni e i costi unitari di realizzazione delle varie opere siano pubblicati on-line, comprese le informazioni sui titolari degli incarichi dirigenziali della pa; l’attuazione del «Piano di prevenzione della corruzione»; l’esclusione dei condannati (anche se non definitivi) da commissioni per l’accesso o la selezione a posti di pubblico impiego.
Sui primi 11 articoli dovrebbe andare tutto liscio.
Sul 12 potrebbe già sorgere qualche problema.
Ma le scintille sono in programma sull’articolo 13 (reati e pene).
E con il voto segreto (se richiesto) potrebbero esserci sorprese per tutti.
Di qui l’ipotesi-fiducia.
Gli emendamenti sono meno numerosi di quelli presentati in commissione, ma sulla carta molto distanti, anche dalle posizioni del ministro Severino.
Ieri l’attenzione si è focalizzata sul Pdl, poiché Francesco Sisto ha ripresentato la “norma-Ruby” che restringe la nuova concussione per induzione (creata dal governo in contrapposizione alla concussione per costrizione) ai casi in cui vi sia un «vantaggio» o «un’utilità patrimoniale».
Sisto, però, propone prima di «sopprimere» la nuova «induzione».
E a chi gli fa notare che così il colpo di spugna sarebbe garantito, risponde: «È solo una provocazione politica, un pretesto per dimostrare in aula l’incoerenza del Pd che, con un emendamento poi ritirato, cancellava del tutto la concussione.
Io voglio parlare di come si è arrivati alla norma-Severino e mettere in risalto le contraddizioni politiche rispetto alle esigenze tecniche e europee.
Ma sia chiaro: nessun sabotaggio».
Insomma, per difendere il testo Severino, bisogna attaccarlo.

GLI EMENDAMENTI

L’anonimato
Tra gli emendamenti depositati dal ministro per la Pa Patroni Griffi al Ddl anticorruzione, quello che prevede la garanzia del totale anonimato per il dipendente pubblico che segnalerà gli illeciti che accadono nella pubblica amministrazione
Il codice di comportamento
Tra le proposte di modifica di Patroni Griffi, da segnalare le deleghe al Governo ad adottare, tra l’altro, un decreto legislativo sulla Trasparenza nella Pa o per la creazione di un codice di comportamento dei dipendenti pubblici
Bilanci online
Tutti i bilanci delle diverse istituzioni e i costi unitari di realizzazione delle varie opere dovranno essere pubblicati online.
Comprese le informazioni sui titolari degli incarichi dirigenziali nelle Pa

Fonte: IL SOLE 24ORE

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>