Questo articolo è stato letto 3 volte

Concorsi pubblici: il Ministro Brunetta firma direttiva per accesso qualifica dirigente prima fascia

concorsi-pubblici-il-ministro-brunetta-firma-direttiva-per-accesso-qualifica-dirigente-prima-fascia.jpeg

Il Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione Renato Brunetta ha firmato la direttiva 5 agosto 2011, n. 11 (in corso di registrazione presso la Corte dei Conti) recante il titolo “Indirizzi sull’applicazione del d.P.C.M. del 26 ottobre 2010. Disciplina per l’accesso, tramite concorso pubblico per titoli ed esami, alla qualifica di dirigente di prima fascia”, così come espressamente stabilito dal decreto legislativo n. 150/2009.
“Con la riforma Brunetta – si legge nella nota di Palazzo Vidoni – si introduce per la prima volta il concorso pubblico per accedere al più alto livello della dirigenza (prima fascia) nelle amministrazioni statali, anche ad ordinamento autonomo, nelle agenzie e negli enti pubblici non economici.
Questa importante novità è finalizzata ad  affermare la piena autonomia e responsabilità del dirigente, come soggetto che esercita autonomamente i poteri del datore di lavoro pubblico, nella gestione delle risorse. Il reclutamento di parte della dirigenza apicale mediante procedure concorsuali pubbliche concorre a rendere più imparziale l’azione amministrativa e rappresenta un elemento di forte evoluzione del management amministrativo, del tutto in linea con l’azione propulsiva di modernizzazione ed innovazione degli apparati pubblici.
Questi devono orientarsi nei fatti all’ampia nozione di perfomance (soprattutto organizzativa) che risponde ad una cultura di efficienza ed efficacia.”.
Il conferimento dell’incarico dirigenziale generale ai vincitori delle procedure selettive pubbliche deve essere subordinato al compimento di un periodo di formazione, non inferiore a sei mesi, presso uffici amministrativi di uno Stato dell’Unione Europea o di un organismo comunitario o internazionale.
Nella gestione delle procedure concorsuali le amministrazioni dovranno favorire la più ampia diffusione delle procedure informatiche e la piena applicazione della normativa sulla Posta Elettronica Certificata, rammentando anche quanto indicato dal Ministro Brunetta nella circolare n. 12/2010, riguardante le modalità di presentazione della domanda di ammissione ai concorsi pubblici.

(FONTE: www.ilpersonale.it)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>