Questo articolo è stato letto 0 volte

CGIL: la manovra taglia i salari dei dipendenti

cgil-la-manovra-taglia-i-salari-dei-dipendenti.jpeg

Quando arriverà il 31 dicembre del 2014 e tutte le norme delle finanziarie (2010 e quella appena licenziata dal parlamento) saranno operative, secondo il Dipartimento settori pubblici della Cgil ogni dipendente dello Stato avrà in meno nella busta paga fra i 210 e i 215 euro mediamente al mese. A provocare questi effetti sullo stipendio pubblico saranno il mancato rinnovo dei contratti e il blocco delle retribuzioni che è previsto almeno fino al 2014. Comunque il taglio dello stipendio varierà da settore a settore.

Secondo Michele Gentile, responsabile del Dipartimento settori pubblici della Cgil, «la manovra prolunga il blocco delle retribuzioni pubbliche e gli incrementi salariali saranno dunque possibili solo a partire dal 2015». «Ma – continua il sindacalista – considerato che, per gli anni 2015-2017, si parla soltanto di un nuovo calcolo per l´erogazione dell´indennità di vacanza contrattuale, resta tutto da vedere, anche perché qualche problema finanziario continuerà ad esserci. Quindi il rischio reale è che stiamo ragionando di un rinnovo dei contratti dal 2018».

(FONTE: www.ilpersonale.it)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>