Questo articolo è stato letto 3 volte

Bolzano, Rimini, Udine: ecco dove mancheranno di più i voucher

In valore assoluto il primato va a Milano. In rapporto alla popolazione “vince” invece Bolzano. Mentre se si guarda il trend, il pedale sull’acceleratore è premuto forte a Trapani.

Sono i risultati dell’ultimo anno di vita dei voucher per il lavoro accessorio, che il Governo ha deciso di recente di abolire.

Dei circa 133,8 milioni di ticket venduti nel 2016 il 16% è stato acquistato da aziende del turismo (le sole tra le “big” a essere aumentate più della media generale, con un +28%), il 15% nel commercio e il 12% nei servizi. Gli incrementi maggiori rispetto all’anno precedente si evidenziano invece nelle manifestazioni sportive e culturali (+38%) e nel giardinaggio e pulizie (+27 per cento).

Oltre un terzo dei buoni venduti nel 2016 sono stati acquistati nel Nordest (circa il 13% in Veneto ed Emilia Romagna), mentre la diffusione nel Centro e nel Mezzogiorno è ancora piuttosto scarsa (meno del 18% del totale in entrambe le aree).

 

Fonte: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>