Questo articolo è stato letto 1 volte

Auto, Acquisti, Sanità: tutti i Tagli la scure sul Pubblico Impiego

La spending review permetterà di risparmiare una decina di miliardi l’anno, servirà anche a finanziare le spese «esigenziali», dalle missioni di pace al 5 per mille, ma non ad evitare tutto il previsto aumento dell’Iva. Invece di 2 punti e mezzo, due da ottobre e un altro mezzo punto dal gennaio 2014, l’imposta sul valore aggiunto crescerà di un solo punto, dal 21 al 22% per l’aliquota standard e dal 10 all’11% per quella ridotta, a partire da gennaio e di un ulteriore mezzo punto dal 2014.
Del decreto circola per ora una bozza, 19 articoli suddivisi in cinque titoli, anche se Palazzo Chigi precisa che il testo è ancora in corso di stesura e di revisione dopo gli incontri di ieri con parti sociali ed enti locali. In ogni caso il decreto non conterrà solo tagli alla spesa pubblica. Oltre al rifinanziamento delle spese ancora scoperte, ci sarà anche l’attesa riduzione dell’aggio sulla riscossione dovuto a Equitalia. Un punto dal 2013, dal 9 all’8%, ma la riduzione potrebbe essere anche superiore: fino a quattro punti percentuali se i risultati della riscossione saranno superiori al previsto.
Sanità
Dalla riduzione della spesa sanitaria è atteso un contributo di un miliardo di euro già da quest’anno e di due miliardi a partire dal 2013, con un’equivalente riduzione del Fondo Sanitario Nazionale. Il piano di risparmi nella Sanità è drastico: vengono rideterminati i tetti della spesa farmaceutica territoriale e ospedaliera, rinegoziati al ribasso i contratti di appalto, riviste le convenzioni con le strutture private accreditate, ridotti i fondi per l’acquisto dei dispositivi medici, aumentato il contributo delle farmacie all’equilibrio del sistema e delle aziende farmaceutiche all’eventuale sforamento dei tetti di spesa.
Per questi ultimi mesi del 2012 le farmacie dovranno concedere al servizio sanitario un extrasconto sui farmaci del 6,5%, che a regime dall’anno prossimo sarà pari al 3,65%. Il tetto alla spesa farmaceutica ospedaliera, che fa registrare sistematicamente uno sforamento, viene alzato dal 2,4% al 3,2%, e parallelamente viene ridotto il tetto alla spesa territoriale (i farmaci a carico del Ssn forniti dalle farmacie) dal 13,3 all’11,5% del totale della spesa sanitaria. Nello stesso tempo viene aumentato, e di parecchio, il contributo delle aziende farmaceutiche agli eventuali sfondamenti della spesa. Le imprese, infatti, dovranno farsi carico del 50% delle somme che eccedono il tetto fissato dal governo, mentre il restante 50% sarà a carico delle Regioni, ma solo di quelle che, nel complesso, non sono riuscite a rispettare il tetto.
La manovra sulla sanità non si ferma, tuttavia, alla farmaceutica. Intanto le Asl, che potranno rinegoziare i contratti con prezzi eccedenti il 20% rispetto al valore di riferimento, saranno obbligate ad ottenere le forniture attraverso la Consip, la centrale pubblica per gli acquisti centralizzati. Il decreto legge prevederebbe, poi, la riduzione del 5%, rispetto al 2011, delle spese per gli appalti di beni e servizi “non sanitari”, mentre gli esborsi delle Regioni per le prestazioni sanitarie svolte dai privati accreditati in regime di convenzione dovranno essere tagliati dell’1% nel 2012 e del 2% a partire dal 2013 rispetto ai valori del 2011.
Enti locali
Come temuto da governatori, sindaci e presidenti di provincia, la spending review si abbatte anche sui trasferimenti dallo Stato centrale verso le amministrazioni locali. Alle Regioni a statuto ordinario viene chiesto un contributo di 700 milioni di euro nel 2012 e di 1 miliardo a partire dal 2013. Quelle a statuto speciale e le due province autonome di Trento e Bolzano dovranno contribuire con 500 milioni quest’anno e con un miliardo a partire dal 2013. Ai Comuni viene imposto un taglio delle risorse di 500 milioni quest’anno, e addirittura 2 miliardi dall’anno prossimo, mentre le Province (al di là del piano di accorpamento) dovranno risparmiare 500 milioni nel 2012 e 1 miliardo dal 2013.
Anche per gli enti locali scatterà poi il limite alle assunzioni: il turn-over sarà possibile nei limiti del 20% da quest’anno al 2014, del 50% nel 2015 e solo dal 2016 sarà possibile assumere tanti nuovi dipendenti quanti ne vanno in pensione. Con una clausola: nelle Regioni dove il rapporto tra spesa per il personale e spesa corrente supera del 20% la media nazionale, la possibilità di turn-over è ulteriormente ridotta del 50%.
Per i comuni sotto i 5 mila abitanti (3 mila nelle Comunità montane) scatta poi l’obbligo rafforzato di mettere insieme le funzioni fondamentali con altri piccoli comuni. Entro la fine del 2013 dovranno essere gestite dalle Unioni dei comuni almeno tre delle funzioni fondamentali e tutte a partire dal 2015. Se i piccoli comuni non dovessero poi trovare degli accordi tra di loro, saranno le Regioni a provvedere d’imperio con una decisione da prendere entro la fine del 2013.
Acquisti
La prima parte del decreto sulla spending review è quella messa a punto dal commissario Enrico Bondi che riguarda gli acquisti di beni e servizi da parte della amministrazioni pubbliche, «60 miliardi di euro – ha detto ieri Bondi alle parti sociali – sui quali si può risparmiare tra il 20 ed il 60%» con regole molto più incisive. A cominciare da quella che prevede la nullità dei contratti di fornitura siglati fuori dalle convenzioni Consip, la centrale d’acquisto dello Stato, e che non rispettano i prezzi di riferimento da questa stabiliti. Un’altra regola impone a tutte le amministrazioni pubbliche l’acquisizione obbligatoria attraverso le gare Consip dei contratti di fornitura di luce, gas, carburanti, combustibili per riscaldamento, telefonia fissa e mobile, con relativa nullità degli acquisti effettuati in violazione della norma. La Pubblica amministrazione, inoltre, avrà il diritto di recesso dai contratti stipulati quando i parametri delle successive convenzioni Consip «siano migliorativi rispetto a quelli del contratto stipulato e l’appaltatore non acconsenta ad una modifica delle condizioni economiche». Per risparmiare sugli acquisti viene poi abrogata la norma del 2006 che impone la pubblicazione degli avvisi e dei bandi di gara sui giornali quotidiani.
Ministeri
Nella spending review non poteva mancare un capitolo dedicato alla spesa dei ministeri. Anche se l’accordo nel governo sul quanto e a chi tagliare ancora non è stato raggiunto. Nella bozza di testo del decreto la misura non è quantificata, ma il taglio ci sarà senza dubbio. Nel frattempo, vengono estese a tutti gli enti pubblici alcune regole già valide per l’amministrazione centrale. A cominciare dal taglio del 50% della spesa per la carta, con precisi obiettivi riguardo la dematerializzazione degli atti, la riduzione dei costi della telefonia fissa e mobile, la razionalizzazione del patrimonio immobiliare. L’Inps, inoltre, dovrà procedere alla rinegoziazione, in termini quantitativi e qualitativi, delle convenzioni stipulate con i Caf. Razionalizzazione in vista anche per le varie Scuole della Pubblica amministrazione, che saranno accorpate, mentre scatta una nuova sforbiciata sulle auto blu, che saranno ridotte di un ulteriore 50%.
Pubblico impiego
Non c’è solo la conferma del taglio della pianta organica del 20% per i dirigenti e del 10% per tutti gli altri dipendenti. Nessuno è in grado di fare stime precise ma considerando che il settore conta 3,5 milioni di lavoratori, l’impatto potrebbe variare tra le 100 mila e le 300 mila persone. L’obiettivo che sarà raggiunto con la messa in mobilità obbligatoria per due anni o, per i più anziani, con un meccanismo di accompagnamento alla pensione.
E che sarà affiancato da un blocco del turn over che dovrà rispettare tre scadenze: le «facoltà assunzionali» per i posti che si libereranno saranno del 20% per il periodo 2012-2015, del 50% nel 2015 e torneranno al 100% a partire dal 2016. Per gli statali le novità sono davvero tante. A partire dal primo ottobre di quest’anno il valore dei buoni pasto, anche per i dirigenti, non potrà superare i sette euro. Gli uffici pubblici resteranno chiusi nella settimana di ferragosto e in quella tra Natale e Capodanno quando i lavoratori saranno messi obbligatoriamente in ferie. Diventerà impossibile «monetizzare», cioè vendere, i giorni di vacanza, i riposi e i permessi non goduti. Il divieto scatterà anche in caso di dimissioni o pensionamento. Si procederà alla «tendenziale eliminazione» degli incarichi di studio e ricerca affidati ai dirigenti mentre sono vietate le consulenze affidate a chi è andato in pensione I contatti per il servizio di pagamento degli stipendi saranno rinegoziati con un abbattimento di «almeno il 15%».
Enti soppressi
Sono soppressi l’Istituto nazionale di ricerca metrologica, la Stazione zoologica Anton Dohrn, l’Istituto italiano di studi germanici e l’Istituto nazionale di alta matematica. Cancellati anche l’Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale, l’Istituto nazionale di astrofisica e il Museo storico della fisica e il Centro di studi e ricerche Enrico Fermi.
I loro organi decadono, le loro funzioni sono redistribuite tra Cnr, Istituto nazionale di fisica nucleare e Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.
Patrimonio pubblico
Bloccati gli adeguamenti Istat per gli affitti pagati dalle pubbliche amministrazioni. I contratti in scadenza dal primo gennaio potranno essere rinnovati solo con un taglio del 15%. Fissati gli standard per le dimensioni degli uffici: tra i 12 e i 20 metri quadri a testa per quelli di nuova costruzione tra i 20 e i 25 per quelli vecchi.
Militari
Si taglierà l’organico delle forze armate «in misura non inferiore al 10%». I dipendenti delle forze di polizia con meno di 32 anni dovranno essere utilizzati per servizi operativi. Più che dimezzato, da 21 a 9 milioni, il fondo per le vittime dell’uranio impoverito. Tagliati di 100 milioni le spese per la forniture militari mentre per le pluriennali è necessario il concerto del ministero dell’Economia.
Province
Entro venti giorni il Consiglio dei Ministri delibera un’ipotesi di riordino delle province», che nel frattempo non potranno procedere ad assunzioni a tempo indeterminato. Saranno cancellate di sicuro quelle delle 10 città metropolitane. Tagliati 200 milioni dal fondo di finanziamento ordinario delle università mente la stessa somma è in arrivo per le scuole non statali. I commissari liquidatori di enti pubblici potranno avere un incarico complessivo non superiore ai 5 anni.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Punto per punto

Statali, via il 10% Dirigenti -20%

Foto: I tagli del governo per risparmiare riguarderanno innanzitutto la Pubblica amministrazione: i dirigenti saranno ridotti del 20% mentre tutti gli altri dipendenti del 10%. Considerando che il settore conta 3,5 milioni di lavoratori, il provvedimento potrebbe interessare tra le 100 mila e le 300 mila persone

Concorsi sospesi fino al 2016

Nella Pubblica amministrazione sono sospesi i concorsi per l’accesso alla prima fascia dirigenziale: nella bozza del decreto legge sulla spending review, si legge infatti che sono sospese le modalità di reclutamento «non oltre il 31 dicembre 2015»

4,2

miliardi La cifra da recuperare che inizialmente il governo aveva indicato a fine aprile come condizione per evitare un nuovo aumento dell’Iva di 2,5 punti. Si sono però poi aggiunte due esigenze: il tema degli esodati e il terremoto in Emilia Romagna

Polizia, operativi gli under 32

I dipendenti delle forze di polizia di età inferiore a 32 anni, salvo casi eccezionali, devono essere utilizzati a servizi operativi. Questo provvedimento si inserisce nell’ambito della riduzione delle spese per il personale per garantire l’operatività

10

miliardi L’ammontare che dovrebbe risparmiare lo Stato all’anno in seguito all’applicazione delle misure. Intanto il decreto che prevede il supercommissario Bondi è stato approvato ieri alla Camera. Ora è al Senato

Ferie obbligate e uffici chiusi

Gli statali non potranno monetizzare ferie, riposi e permessi non goduti. La disposizione si applica anche in caso di cessazione del rapporto di lavoro. Uffici pubblici chiusi nella settimana di Ferragosto e in quella tra Natale e Capodanno e statali messi in ferie

1,5

punti L’aumento dell’Iva previsto per i prossimi mesi: l’imposta sul valore aggiunto crescerà di un solo punto, dal 21 al 22% per l’aliquota standard e dal 10 al’11% per quella ridotta a partire da gennaio e di un ulteriore mezzo punto dal 2014

Farmacie, sconto sui medicinali

Per questi ultimi mesi del 2012 le farmacie dovranno concedere al servizio sanitario un extrasconto sui farmaci del 6,5%, che a regime dall’anno prossimo sarà pari al 3,65%. Il tetto alla spesa farmaceutica ospedaliera viene alzato dal 2,4% al 3,2%

700

milioni Il contributo richiesto alle Regioni a statuto ordinario nel 2012. La cifra sale a 1 miliardo dal 2013. Quelle a statuto speciale e le province autonome di Trento e Bolzano dovranno contribuire con 500 milioni e con un miliardo dal 2013

Fondo sanitario, meno 3 miliardi

Il Fondo sanitario nazionale viene tagliato di tre miliardi in due anni: un miliardo per il 2012 e due per il 2013. Inoltre taglio del 5% per l’acquisto di beni e servizi da parte della sanità pubblica, fatta eccezione per gli acquisti dei farmaci

200

milioni Il taglio da parte del governo al fondo di finanziamento ordinario delle università a partire dal 2013. Mentre per le scuole non statali è previsto un contributo pari a 200 milioni di euro

Auto blu, spesa ridotta del 50%

Nel 2013 la spesa per le auto blu non dovrà superare il 50% di quanto speso nel 2011. Nel decreto forbici anche per la presidenza del Consiglio: è prevista la riduzione delle spese di funzionamento per un totale di 15 milioni di euro al 2013

Fonte: Corriere della sera

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>