Questo articolo è stato letto 8 volte

Assorbimento personale eccedentario area vasta – Le Sezioni territoriali non condividono le conclusioni della Sezione Autonomie

assorbimento-personale-eccedentario-area-vasta-le-sezioni-territoriali-non-condividono-le-conclusioni-della-sezione-autonomie.jpg

di V. Giannotti (www.ilpersonale.it 1/9/2015)

Nonostante il d.l. n. 174/2012 abbia affidato alla Corte dei Conti, Sezione delle Autonomie, le funzioni di indirizzo alle Corti territoriali, sul riassorbimento del personale eccedentario di Area vasta, alcune recenti pronunce dei giudici contabili ne evidenziano le distorsioni, mettendo in evidenza l’estrema difficoltà a seguirne le conclusioni. Un primo problema riguarda le assunzioni di personale dirigente ai sensi dell’art.110 TUEL, mentre un secondo problema si riferisce alla corretta utilizzazione dei c.d. “resti assunzionali”.

ASSUNZIONE PERSONALE A TEMPO DETERMINATO E AI SENSI DELL’ART.110 TUEL
A fronte della richiesta di un Comune circa la possibilità di poter effettuare assunzioni a tempo determinato e/o conferire un incarico dirigenziale ai sensi dell’art. 110, comma 1, del TUEL, la Corte dei Conti, Sezione regionale di controllo per il Piemonte, dopo aver sospeso il parere rimettendo gli atti alla Sezione delle autonomie, con la deliberazione n.113 depositata in data 13 luglio 2015, scioglie la citata sospensione a seguito dell’intervento della nomofilachia, così come contenuto nella deliberazione n. 19/2015.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>